Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

De Bruyne avverte la FA: “Rientrare e giocare subito ci porterà tutti in inferemeria”

Il belga si chiede se sia giusto forzare la mano per rientrare. La proposta della Premier non lo convince molto. 

Redazione Il Posticipo

Rientro a tappe forzate. L'idea della Premier è di comprimere il calendario in poche settimane.  Quanto basta per agitare tecnici e preparatori atletici. E anche De Bruyne mostra il proprio scetticismo. Il belga si chiede se sia giusto forzare la mano per rientrare. La proposta della Premier non lo convince molto.

QUARANTENA - Il belga, attraverso il sito www.hln.be ha espresso le proprie perplessità: "Questa è la prima volta da quando avevo quattordici anni che passo tutti i giorni a casa. Credo sia tutto particolarmente dispendioso dal punto di vista fisico. Nuoto mezzora al giorno, ho acquistato un tapis roulant e ci corro almeno sette o otto chilometri al giorno. E il resto della strada rincorrendo i miei bambini per casa. Normalmente, hai quella routine quotidiana e la squadra con cui lavori. Palestra, istruttori, non vedi più tutte quelle persone. Mi manca il contatto umano con la squadra".

ATTESA - Il belga si chiede se sia giusto forzare la mano per rientrare. La proposta della Premier non lo convince molto. "Non ho ancora idea di se e quando giocheremo. Anche in Inghilterra vogliono aspettare il più a lungo possibile, ma come calciatore non è facile. Siamo inattivi da circa sei settimane, normalmente si ha bisogno di una preparazione di 3-4 per essere al top. Se ricominciamo immediatamente, ci ritroveremo tutti in infermeria dopo poche . Non può essere questa l'intenzione. Ma ci sono molti soldi e interessi in gioco. Credo che aspettare così tanto tempo per prendere una decisione possa causare problemi per la prossima stagione. Mi dispiacerebbe smettere così presto, ma se si possono evitare problemi verso l'anno prossimo, deve essere fatto".