Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Davide Ancelotti, l’Everton e la Premier: “Gli allenamenti sono un’altra cosa rispetto all’Italia. Qualcosa di negativo? Forse gli arbitri…”

MUNICH, GERMANY - MAY 20:  Head coach Carlo Ancelotti is hugged by his son Davide Ancelotti during the FC Bayern Muenchen Championship party following the Bundesliga match between Bayern Muenchen and SC Freiburg at Postpalast on May 20, 2017 in Munich, Germany.  (Photo by Alexander Hassenstein/Bongarts/Getty Images)

Carlo Fantastico, Carlo Magnifico, cantano i tifosi dell'Everton. Ma attenzione, perchè di Ancelotti a Goodison Park non ce n'è mica solo uno... Assieme a Re Carlo, una delle leggende del calcio europeo, c'è anche suo figlio Davide. Che...

Redazione Il Posticipo

Carlo Fantastico, Carlo Magnifico, cantano i tifosi dell'Everton. Ma attenzione, perchè di Ancelotti a Goodison Park non ce n'è mica solo uno... Assieme a Re Carlo, una delle leggende del calcio europeo, c'è anche suo figlio Davide, che lavora con il tecnico dai tempi del Paris Saint-Germain, prima come preparatore atletico e poi come vice. Ed è proprio lui, in una lunga intervista concessa a Il Calcio Inglese, a raccontare un po' di più della seconda esperienza della famiglia Ancelotti in Premier League. Un campionato che Re Carlo conosce bene, visti i due anni al Chelsea, ma che ora i due stanno vivendo da un altro punto di vista: quello di una nobile un po' decaduta del pallone di Sua Maestà.

"L'EVERTON - Il che però non impedisce all'Everton di sognare in grande. E soprattutto di essere comunque un club incredibile, sia per strutture che per orgoglio e storia. "L’inizio è stato caotico, in pochi giorni è successo di tutto. La prima impressione però è stata molto positiva: grande accoglienza e un’atmosfera speciale. L’Everton è un club estremamente organizzato, con strutture davvero di alto livello e gestito da tantissimi giovani, tantissimi Evertonians, gente nata e cresciuta a Liverpool sponda Everton. La prima cosa che abbiamo provato a fare come staff è stata quella di cercare di infondere fiducia alla rosa che avevamo a disposizione, considerato anche il periodo difficile che l’Everton stava vivendo". Una situazione complicata, perchè nel frattempo i...vicini di casa del Liverpool avevano appena vinto la Champions e stavano letteralmente dominando la Premier. "Convivere con loro non è semplice, ma c’è la voglia costante di arrivare al loro livello. Vedere la gente in lacrime dopo la vittoria dell’Everton sui Reds fa capire quanto sia delicata e sentita questa rivalità".

 LONDON, ENGLAND - SEPTEMBER 13: Carlo Ancelotti, Manager of Everton celebrates victory with Dominic Calvert-Lewin of Everton after the Premier League match between Tottenham Hotspur and Everton at Tottenham Hotspur Stadium on September 13, 2020 in London, England. (Photo by Catherine Ivill/Getty Images)

"LA PREMIER - Un altro mondo. Questo si dice spesso della Premier, soprattutto facendo il paragone con la Serie A. E Davide Ancelotti è d'accordo, sottolineando come in termini di allenamento e preparazione sia necessario adattarsi a uno stile totalmente diverso. "Rispetto all’Italia c’è molta differenza per quanto riguarda la preparazione settimanale: allenamenti corti e intensi, che permettono anche di salvaguardare la salute dei giocatori. Il volume d’allenamento è inferiore e la maggiore intensità ne è una conseguenza. La Premier League è un campionato incredibile, perché c’è una varietà di stili di gioco e di filosofie impressionante. Da Bielsa a Allardyce, da Dyche a Guardiola… Ma nonostante le differenze, colpisce come tutti questi stili siano comunque efficaci e consentano di arrivare al risultato, seppur in maniera diversa". Dunque, la Premier è promossa a pieni voti. O quasi... "Una cosa positiva di questa esperienza? Sicuramente il fatto che qui il calcio si viva in maniera molto più equilibrata rispetto che da altre parti. Qualcosa di negativo? Forse gli arbitri…". E in questo caso, impossibile non dire che...tutto il mondo è paese!

"

Potresti esserti perso