Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

D’Aversa: “Sconfitta inspiegabile. Stiamo buttando via una stagione per demerito nostro”

PARMA, ITALY - JANUARY 13:  Roberto D´Aversa head coach of Parma Calcio looks on during the Serie A match between Parma Calcio and US Lecce at Stadio Ennio Tardini on January 13, 2020 in Parma, Italy.  (Photo by Alessandro Sabattini/Getty Images)

Il Parma perde una sfida che rischia di condannarla alla retrocessione.

Redazione Il Posticipo

Il Parma sogna l'impresa che sfuma a pochi secondi dal termine e si trasforma in una sconfitta incredibile.  Una abitudine ormai cronicizzata che questa volta, probabilmente, costa qualcosa in più di una sconfitta. Non due, ma tre punti persi che con ogni probabilità costerà la permanenza in serie A alla squadra di D'Aversa.

BEFFA - Una sconfitta quasi impossibile da digerire. Il gol che condanna il Parma alla sconfitta e forse alla retrocessione arriva in pieno recupero. E dopo che i gialloblu hanno sfiorato il 3-4 una volta subito il pareggio. "Questa sconfitta è indimenticabile per come è arrivata. Inspiegabile come concediamo i due gol, commettiamo degli errori di inesperienza e concediamo situazioni pericolose. La squadra ha giocato bene per tutta la partita e poi l'ha compromessa con uno dei tanti blackout che hanno caratterizzato questa stagione. Bravi, quelli del Cagliari, a sfruttare l'occasione. Noi possiamo solo recriminare. Una squadra che si gioca la vita non può permettersi di concedere quattro cross con cinque difensori lasciando i giocatori liberi di mettere la palla in mezzo e l'interno a un mancino".

SERIE B - Il Parma è stato vicinissimo ad agganciare la zona salvezza. E adesso si ritrova con un piede e tre dita in serie B. "Pur dimostrando in campo dei risultati diversi torniamo a casa con risultati avversi. La squadra non riesce a percepire il senso del pericolo o  l'importanza di portare a casa un risultato. Stiamo buttando via una stagione per demerito nostro. In Serie A non possiamo permetterci certi errori. Chi gioca nella massima serie deve riuscire a disimpegnarsi a prescindere dai consigli di un compagno più esperto. L'ultimo gol che abbiamo preso è emblematico: Cerri, che è alto, grosso e forte di testa, salta liberamente in area piccola".