Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

D’Aversa 150 panchine con il Parma e un desiderio: “Un risultato che in questo momento è impensabile”

Il tecnico, in vista della sfida con l'Atalanta vuole regalarsi qualcosa di speciale.

Redazione Il Posticipo

Roberto D'Aversa, in vista della sfida all'Atalanta, ha parlato al canale ufficiale del club emiliano. La sua squadra ha ripreso a marciare, ma affronta il peggior avversario possibile. Il tecnico, che festeggia 150 panchine alla guida dei ducali, vorrebbe farsi un regalo.

STIMOLI - Contro le grandi il Parma difficilmente si lascia andare alle "dimenticanze" che ne hanno caratterizzato qualche sconfitta di troppo. "L’Atalanta in questi anni è cresciuta molto e credo che sia una squadra ed una società da prendere come esempio". 150 con il Parma, dalla C alla A. "Per me è una soddisfazione a livello personale, perché dopo Scala sono l’allenatore che ha fatto più panchine in campionato con questo club ed è un motivo di grande orgoglio. Si sono raggiunti risultati importanti,  anche se non paragonabili. Sono arrivato quando la squadra era in Lega Pro. E adesso c'è la possibilità di chiudere potenzialmente a 52 punti nel secondo anno di A,  che storicamente insieme al primo anno è il più difficile per le neo-promosse, è un motivo di orgoglio. Non bisogna, comunque, mai pensare a quello che si è fatto ma bisogna ragionare su ciò che si dovrà fare”.

INSIDIE - L'Atalanta è la squadra che ha segnato di più in A e che ha totalizzato più punti nel girone di ritorno: "Le insidie sono la forza di questo gruppo. L’Atalanta è la squadra che ha fatto più gol in Serie A è una squadra che indipendentemente dal fatto di essere in casa o in trasferta adotta un sistema che ti fa giocare poco perché ti aggrediscono e attaccano in avanti. Sarà complicato soprattutto a livello fisico perché ci sarà un dispendio energetico non indifferente. Sta a noi rendergli la vita un po’ difficile e fare un risultato che magari in questo momento è impensabile".