Dante affonda Balotelli: “Se non rende al meglio è colpa sua, non della squadra”

Dante affonda Balotelli: “Se non rende al meglio è colpa sua, non della squadra”

Arrivare al campo alle 7:30 di mattina non basta per migliorare una situazione complicata. E Mario Balotelli lo ha capito durante (e soprattutto dopo) la sconfitta del suo Nizza in casa del Montpellier, quando un compagno di squadra ha avuto per lui parole abbastanza pesanti.

di Redazione Il Posticipo

Arrivare al campo alle 7:30 di mattina non basta per migliorare una situazione complicata. E Mario Balotelli lo ha capito durante (e soprattutto dopo) la sconfitta del suo Nizza in casa del Montpellier. Per SuperMario novanta minuti in campo, un giallo, ma niente gol, con l’impressione che lo stato di forma non eccelso già mostrato in nazionale non voglia proprio accennare a finire. E se durante la settimana erano arrivati gli elogi all’azzurro per la dedizione e per la volontà di migliorare le cose, dopo la terza sconfitta stagionale c’è poca voglia di parlare di Balotelli. E chi lo fa, come Dante, non usa mezzi termini.

DIPENDE DA MARIO… – L’ex Bayern Monaco ha infatti apertamente criticato l’attaccante, come riporta il Daily Mail. “Tocca a lui fare un passo avanti e prendersi la responsabilità di guidare la squadra in attacco. Sì, non è fisicamente in gran forma, quello lo sappiamo tutti, ma dipende da lui. Deve lavorare molto e allenarsi continuamente per migliorare il suo livello fisico. Ad un certo punto deve semplicemente prendere il controllo della situazione“. Parole che fanno pensare a un Balotelli diverso da quello che hanno raccontato in settimana dalla Francia. Dov’è finita la forza di volontà di cui si è tanto parlato? Di certo, è rimasta fuori dal campo.

…NON DALLA SQUADRA – E Dante non ci sta, facendosi portavoce dei suoi compagni. I quali sembrano abbastanza stufi di essere colpevolizzati per la scarsa forma e vena realizzativa di SuperMario. Il brasiliano lo dice chiaro è tondo, la colpa non può essere della squadra. “Non serve a niente incolpare la squadra e dire che siamo noi che non riusciamo a ottenere il meglio dalle qualità di Balotelli. No, non è così. Ci sono stati momenti in cui la squadra ha giocato male e io ho difeso i miei compagni, ma bisogna essere i primi critici di se stessi e domandarsi in ogni momento se si sta facendo del proprio meglio“. Evidentemente, Balotelli non lo sta facendo.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy