Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Dani Alves, la famiglia gioca in difesa: “Daremo la vita per tirarlo fuori da questo inferno”

Dani Alves, la famiglia gioca in difesa: “Daremo la vita per tirarlo fuori da questo inferno” - immagine 1
La famiglia si stringe intorno al calciatore brasiliano.

Redazione Il Posticipo

La famiglia di Dani Alves gioca in difesa. E si sta attivando per aiutare l’ex calciatore, fra le altre, di Barcellona e Juventus ad affrontare nel migliore dei modi ciò che lo attende e per ribadirne l’innocenza. Il calciatore brasiliano è in carcere, in attesa di un processo legato a una presunta vicenda di violenza sessuale.

DIFESA

—  

Ney Alves, fratello del giocatore, come riportato da AS, ha parlato con il programma Fiesta ha spiegato di aver cambiato avvocato. “Siamo impotenti di fronte a questa situazione. L’intera famiglia è molto preoccupata per la situazione e spero che Andrés Marhuenda Martínez, esperto in materia penale, lo possa andare a trovare in carcere per progettare un'adeguata strategia di difesa”. Prima di sposare Joana Sanz, il giocatore brasiliano era sposato con Dinora Santana, dalla quale ha avuto due figli. La donna, da quando ha saputo della detenzione del calciatore, non ha mai smesso di credere alla sua innocenza. “Dani non lo farebbe mai. Lo conosco da ventidue anni e sono stata sposata con lui per dieci anni. Venire a conoscenza dell’accaduto è stato uno shock per me e per i miei figli, che stanno passando un brutto momento. In famiglia sono nervosi e sopraffatti perché vogliono vederlo, ma nessuno ha potuto vederlo".

VISITE

—  

Dinora Santana, che è anche l'amministratore dell'ingente capitale economico del calciatore, ha spiegato che tutti i suoi cari stanno cercando di contattarlo o andare a trovarlo ma non è stato possibile: “Ha detto al suo avvocato di chiamarmi per risolvere le cose più urgenti, ma non ho avuto ancora alcuna possibilità di contattarlo. Può solo dirmi che sta bene. L'avvocato dice che non può dire nulla. Mi ha detto che sta lavorando al caso e che non può occuparsi di tutti. In questo momento ha bisogno di lavorare per aiutarlo". Fiesta ha potuto parlare anche con un altro dei fratelli del giocatore, Junior Alves che sta attualmente volando in Spagna. Secondo quanto riportato la sua intenzione è quella di portare a Barcellona anche i genitori del calciatore. "Non so cosa altro fare. Daremo le nostre vite se necessario per tirarlo fuori da questo inferno”.