Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Dalla Germania rivelano: il Bayern non vuole cedere Lewandowski a rate…per paura che il Barcellona fallisca!

Dalla Germania rivelano: il Bayern non vuole cedere Lewandowski a rate…per paura che il Barcellona fallisca! - immagine 1
Per il polacco i bavaresi chiedono 50 milioni di euro. E li vogliono tutti, senza contropartite e soprattutto...senza pagamenti a rate, perchè non c'è fiducia nelle capacità economiche del Barcellona di rispettare impegni futuri.

Francesco Cavallini

Continua il tira e molla tra il Bayern Monaco e Robert Lewandowski. Il centravanti polacco ha messo in chiaro le cose, spiegando che non vuole più giocare per il club e che ha scelto il Barcellona. A Säbener Straße però non sono molto convinti dell'idea di lasciarlo andare e sottolineano che tra le due parti c'è un contratto che scade nel 2023. Insomma, un muro contro muro, che non sembra destinato a risolversi a breve. Anche perchè i bavaresi, se proprio devono permettergli di fare le valigie, vogliono una bella cifra: 50 milioni di euro. E li vogliono tutti, senza contropartite e soprattutto...senza pagamenti a rate, perchè non c'è fiducia nelle capacità economiche del Barcellona di rispettare impegni futuri.

Niente rate per Lewandowski

Uno scenario clamoroso quello riportato da Football Talk, che fa il nome di Raphael Honigstein, giornalista celeberrimo in Germania nonchè biografo ufficiale di Jürgen Klopp. Secondo quanto trapela da Monaco di Baviera è da escludere totalmente che il Bayern accetti di diluire nel tempo i pagamenti da parte del Barça. Un concetto non del tutto nuovo, visto che già qualche settimana fa un altro giornalista, Manuel Veth, aveva spiegato che questo era l'atteggiamento dei campioni di Germania in carica. Ma le novità vanno anche...più avanti, nel senso che a Säbener Straße non ci sarebbe soltanto il timore che i catalani non possano pagare i loro debiti, bensì anche quello che in capo a un paio d'anni il club blaugrana possa essere direttamente fallito. Anzi, che possa "non esistere più tra uno o due anni".

Il giudice fallimentare alla porta

A chi può essere venuta un'idea del genere? Un nome, in realtà, ci sarebbe. Neanche a dirlo, quello di Uli Hoeneß. L'ex presidente del Bayern, che è andato in pensione ma fa ancora parte del consiglio di amministrazione, qualche tempo fa aveva fatto dichiarazioni abbastanza simili a RTL. "Dicono che vogliono Lewandowski, ma sei mesi fa avevano debiti da 1,3 miliardi di euro. Devono essere degli artisti, perchè in Germania sarebbero stati dichiarati insolventi da molto tempo. Hanno davanti alla porta il giudice fallimentare e presentano un'offerta per un calciatore del Bayern...". E se effettivamente il Bayern è pronto a dire no a una rateizzazione, una formula comune in quasi tutti gli affari del mercato odierno, il timore è che prima o poi...quel giudice fallimentare decida di entrare!