Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Dal Genoa al Genoa, la rivincita di Cataldi. Tre anni fa la Nord lo aveva…cacciato: “Nella Lazio non c’è posto per te”

Dal Genoa al Genoa. In tre anni cambia tutto. La carriera e forse la vita si sono totalmente rovesciate per Danilo Cataldi. Romano e laziale, una vita nelle giovanili e un futuro da scrivere a colori biancocelesti. Eppure nell'aprile 2017 il...

Redazione Il Posticipo

Dal Genoa al Genoa. In tre anni cambia tutto. Non solo per la Lazio, che nel campionato 2016/17 arriva quinta e che ora lotta per lo scudetto. La carriera e forse la vita si sono totalmente rovesciate per Danilo Cataldi. Romano e laziale, una vita nelle giovanili e un futuro da scrivere a colori biancocelesti. Eppure nell'aprile 2017 il centrocampista era lontanissimo dalla sua Lazio. E non solo dal punto di vista geografico. Al punto che dopo il pareggio tra la squadra di Inzaghi e quella che all'epoca era nelle mani di Juric, i tifosi capitolini e in particolare la Curva Nord lo avevano praticamente disconosciuto.

GENOA - Tutta colpa...di Pandev. Il macedone aveva segnato il gol del momentaneo vantaggio del Genoa e come sempre, visto che con la Lazio ha un conto aperto, ha esultato. Quello che non è andato giù ai laziali all'epoca è stato però il comportamento di Cataldi, in prestito al Grifone, e in tribuna di quella che all'epoca non era ancora sua moglie. L'esultanza per la rete dell'odiato Pandev ai tifosi biancocelesti non è piaciuta. "Caro Danilo, compimenti per il fantastico atteggiamento tenuto da te e dalla tua futura moglie al gol di un giocatore che ci infanga e ci disprezza da anni. Riteniamo che sia un insulto alla Lazio e ai suoi tifosi, da una persona, come te, che si è sempre dichiarata laziale. Ti auguriamo una lunga permanenza a Genova perché ora, qui, per uno come te non c'è più posto. Arrivederci e grazie". Questo il comunicato della Nord.

RITORNO - E invece di posto per lui ce n'è eccome, al punto che tre anni dopo Cataldi è diventato uno dei protagonisti della grandissima stagione della Lazio, che dopo aver battuto il Genoa sogna lo scudetto. La rete che, tabellino alla mano, è decisiva, è proprio quella del romano, che ha battuto su punizione Perin per il momentaneo 1-3. Una situazione che ricorda molto quella della Supercoppa Italiana, con il suo gol che ha messo il punto esclamativo sulla vittoria della banda Inzaghi sulla Juventus. E pensare che dopo quel Genoa-Lazio la storia di Cataldi a Roma sembrava finita. E che anche l'anno successivo, quando è andato al Benevento, l'eventuale salvezza dei sanniti lo avrebbe portato via da Formello. Alla fine, però, non è andata così. E nella Lazio che sogna il tricolore, c'è anche la rivincita di un cuore biancoceleste.