Dal Boca Juniors arrivano conferme: “Ibra vuole venire a giocare qui e potremmo anche permetterci di…”

Qualche giorno fa si è sparsa la voce che Zlatan Ibrahimovic sia intenzionato ad accasarsi alla Bombonera. Un’eventualità subito smentita dal suo procuratore Mino Raiola, ma che evidentemente non è poi così campata in aria…

di Redazione Il Posticipo

Dopo l’acquisto di Daniele De Rossi, il Boca Juniors sembra fare davvero sul serio. L’attesa è tutta per la semifinale di Copa Libertadores, un doppio derby contro il River Plate che, nelle idee degli Xeneizes, deve rappresentare la rivincita per quello dello scorso anno. Ma in realtà dalle parti di Buenos Aires non si fa che parlare di calciomercato. Il nome, del resto, è troppo ghiotto per essere ignorato. Qualche giorno fa si è sparsa la voce che Zlatan Ibrahimovic sia intenzionato ad accasarsi alla Bombonera. Un’eventualità subito smentita dal suo procuratore Mino Raiola, ma che evidentemente non è poi così campata in aria.

VERO – Almeno a giudicare dalle parole di Jorge Anro, un membro della dirigenza del Boca, che come riporta BeINSports ha parlato a Boca Radio. Se i tifosi della squadra azul y oro volevano sognare, sono stati accontentati dalle dichiarazioni del loro dirigente. Secondo cui è vero che lo svedese vuole fare un’esperienza in Argentina. E il club non avrebbe problemi a pagare il suo ingaggio.  Una notizia in grado di sconquassare il mondo del calcio, perché anche a 37 anni Ibra è sempre Ibra. ”È vero che Ibrahimovic vuole giocare con il Boca ed è anche vero che siamo nella posizione di poterlo portare qui da noi. Il club è in un ottimo momento, istituzionalmente parlando. E le finanze della società sono così buone che potremmo anche permetterci un lusso del genere. Saremmo anche in grado di pagargli l’ingaggio”.

DUBBIO – Che, per la cronaca, a Los Angeles è di 7 milioni di dollari l’anno, una cifra che lo rende calciatore più pagato della MLS. Certo, se il Boca riuscisse nell’impresa di portare Zlatan alla Bombonera si garantirebbe una esposizione mediatica veramente pazzesca, vista anche la contemporanea presenza da quelle parti di De Rossi. La domanda però sorge spontanea: è tutto vero o si tratta solamente di un modo per scatenare i tifosi proprio prima di una partita davvero importante come il Superclasico di Libertadores? Chissà. Ma l’impressione è che di questa storia si parlerà ancora a lungo…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy