Crouch racconta CR7: “Allo United diceva ai compagni di essere più bello di Messi. E in Under-21 Quaresma era più forte di lui…”

L’ex bomber di Sua Maestà ha spiegato di aver chiesto spesso di CR7 ai suoi compagni dello United, ricevendo un aneddoto molto particolare. E Crouch ha anche ricordato il suo primo incontro in campo con il portoghese. Che però all’epoca aveva concorrenza nella sua stessa squadra…

di Redazione Il Posticipo

Da quando ha lasciato il calcio, Peter Crouch non fa altro…che parlare di calcio. Normale, visto che il pallone è sempre stato compagno di viaggio dell’ex attaccante di Liverpool e Tottenham (tra le altre). E quindi l’altissimo centravanti ha deciso che raccontare il suo sport preferito, attraverso radio e giornali, ma anche con i libri, sarà il suo futuro. Come riporta il Daily Mail, Crouch ha partecipato in qualità di opinionista a una serata di dibattiti con Harry Redknapp e il giornalista Piers Morgan. Il discorso, a un certo punto, è finito su Cristiano Ronaldo, intervistato di recente proprio da Morgan. E Crouch ha detto la sua, raccontando anche qualche aneddoto.

ANEDDOTO – L’ex bomber di Sua Maestà ha spiegato di aver parlato spesso di CR7 con i suoi compagni dello United. Del resto, Crouch incontrava spesso i vari Scholes e Ferdinand in nazionale. E quindi un po’ di curiosità sono state soddisfatte. “Parlavo con i calciatori dello United e chiedevo sempre che tipo fosse Ronaldo. E loro mi spiegavano che lo prendevano sempre in giro, dicendogli che Messi era meglio di lui. Ma Cristiano rispondeva ‘sì, ma Messi non è mica così bello'”‘. Tornando a parlare di campo, anche Crouch è costretto a schierarsi nell’eterno dibattito tra i due. E lo fa iniziando a tessere le lodi del portoghese: “I suoi record sono assurdi, ha segnato un gol a partita in 500 presenze”.

PRIMO INCONTRO – L’inglese racconta anche del suo primo incontro con il fenomeno di Funchal. “Ci ho giocato contro quando aveva 18 anni, c’erano lui e Quaresma che giocavano esterni quando l’Under-21 dell’Inghilterra ha affrontato il Portogallo. Non avevamo idea di chi fossero, ma ricordo che si passavano sempre il pallone. Quaresma la passava d’esterno e Ronaldo la controllava e puntava Konchesky. Era una delle cose più belle che avessi visto in vita mia e pensavo ‘ma chi sono questi due, sono i migliori giocatori che abbia mai incontrato’. E all’epoca, stranamente, Quaresma era più forte di Ronaldo”. Ma nessuno dei due può competere con la Pulce… “Messi per me è il calciatore con il miglior talento naturale di sempre. Se penso a Ronaldo ammiro la sua determinazione e la sua mentalità, ma se parliamo di talento, non c’è paragone con Messi”. Anche se CR7…è più bello.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy