Cristiano Ronaldo, condannato ma felice? Alla fine manterrà le onorificenze in Portogallo

Cristiano Ronaldo, condannato ma felice? Alla fine manterrà le onorificenze in Portogallo

Scongiurato ufficialmente quanto filtrato nelle scorse settimane: il processo per frode fiscale costerà caro, ma non carissimo al fuoriclasse della Juventus alle prese coi suoi guai fiscali in Spagna. La sua reputazione in patria ora è salva?

di Redazione Il Posticipo

Alla fine Cristiano Ronaldo ci ha messo una pezza. Questa volta però in ballo non c’era una partita della Juventus, ma il suo presente e futuro da “superuomo” portoghese. Oltre alla multa e alla pena detentiva, l’ex fuoriclasse del Real Madrid ha temuto di perdere anche quello che si è guadagnato sul campo nel corso della sua carriera. Le medaglie e le onorificenze in questione sono l’Orden del Infante don Henrique e la Gran Cruz de la Orden del Mérito, che gli sono state conferite rispettivamente nel 2014 e nel 2016 dopo aver vinto gli Europei di Francia con la nazionale portoghese. Ma alla fine CR7 si è salvato in corner!

IN SALVO – Come riportato dal Mundo Deportivo, Cristiano Ronaldo manterrà le sue onorificenze: nella giornata di venerdì il Consiglio degli Ordini Onorifici del Portogallo ha stabilito che la sua condanna per frode fiscale in Spagna non giustifica il ritiro delle sue medaglie. In una nota inviata dal Presidente portoghese, il Consiglio ha ufficializzato che la situazione dell’attaccante non si adatta ai casi riconosciuti dalla legge che giustificano l’apertura di un processo per un eventuale ritiro delle onorificenze. Insomma, CR7 può tirare un sospiro di sollievo almeno su questo versante…

TUTTO RISOLTO – La scorsa settimana il giocatore ha ratificato l’accordo di conformità con il Fisco spagnolo, da cui era stato condannato a 23 mesi di reclusione – che non rispetterà – e una multa di 18,8 milioni di euro per il mancato versamento di 5,7 milioni di euro al Tesoro spagnolo tra il 2010 e il 2014. Alla CR7 ci ha rimesso il portafoglio, ma ha salvato faccia, onorificenze e reputazione di fronte agli occhi del suo Portogallo, dove è considerato una celebrità senza rivali. La prossima volta il fuoriclasse della Juve probabilmente ci penserà due volte prima di fare qualcosa che possa inimicargli il suo paese natale?

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy