Crisi Barça, Busquets punta il dito contro i compagni: “Gli errori individuali ci sono costati troppo, se stessimo davvero cercando risposte questo non succederebbe”

Si vince in undici, si perde in undici. Un concetto quasi sacro, soprattutto quando le cose non vanno come dovrebbero. Ma la sconfitta del Barcellona contro il Cadice non può che fare da detonatore a una situazione interna non proprio rosea…

di Redazione Il Posticipo

Si vince in undici, si perde in undici. Un concetto quasi sacro, soprattutto quando le cose non vanno come dovrebbero. Nel momento in cui una squadra gira, è facile parlare di armonia e e incensare i compagni di squadra. Ma quando invece ci si ritrova davanti il peggior inizio di stagione degli ultimi trent’anni, in cui a neanche un terzo delle partite giocate si è già a dodici punti dalla vetta, allora sì che non è semplice cercare di mantenere una coesione all’interno di uno spogliatoio. E da questo punto di vista, la sconfitta del Barcellona contro il Cadice non può che fare da detonatore.

ERRORI INDIVIDUALI – A…esplodere è uno dei senatori, Sergio Busquets. Che a differenza dei compagni nei match persi contro Real e Atletico, la faccia ce la mette e non manda Pedri o Sergino Dest a parlare con i giornalisti. Ma le sue parole, riportate da Mundo Deportivo, sono macigni. “Abbiamo reagito bene al primo gol, abbiamo avuto occasioni, ma sulla seconda rete abbiamo commesso un altro errore e le cose si sono fatte complicate. Credo che gli errori individuali ci siano costati molti punti. Quando gli avversari cominciano una partita già in vantaggio le cose per noi si fanno difficili”. Tutti per uno, ma poi mica tanto.

RISPOSTE – Con chi ce l’ha Busquets? In questo caso con Mingueza, che ha aperto le marcature sì, ma con un autogol. E poi con Jordi Alba e Lenglet, che hanno messo nei guai Koeman permettendo al Cadice di portare a casa una vittoria clamorosa quando sembrava che i blaugrana, in fondo, fossero riusciti a riacciuffare almeno un pareggio. E il centrocampista insiste. “In Champions sembriamo un’altra squadra, non so perchè. Se cercassimo davvero risposte a quello che succede ultimamente, forse non succederebbe di nuovo. Ma nelle ultime partite abbiamo fatto errori che hanno segnato i match. E poi quando l’avversario si chiude, ci risulta complicato rimettere in piedi la partita”. Sincero e contundente. Forse…anche troppo.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy