CR7, panchina e zero minuti col Team-K League: la Lega sudcoreana è furiosa con Sarri!

CR7, panchina e zero minuti col Team-K League: la Lega sudcoreana è furiosa con Sarri!

Il club bianconero aveva garantito la presenza del portoghese per 45 minuti contro la selezione dei migliori giocatori del campionato sudcoreano, ma così non è stato. Questo dietrofront però non è piaciuto agli organizzatori dell’amichevole…

di Redazione Il Posticipo

Cristiano Ronaldo fa discutere sempre… anche quando resta in panchina! Il portoghese non ha preso parte alla sfida tra Team-K League e Juventus, finita 3-3, nonostante le garanzie date dai bianconeri alla vigilia: AS riporta infatti che la Juventus aveva promesso che il giocatore sarebbe sceso in campo per 45 minuti contro la contro la selezione dei migliori giocatori del campionato sudcoreano. Ma così non è stato e la Lega locale si è fatta sentire dopo l’amichevole.

TIFOSI FURIOSINel match che ha reso famoso Cesinha per la sua esultanza piuttosto sfrontata, 60.000 tifosi sudcoreani si sono infuriati per l’assenza di Cristiano Ronaldo. Alcuni supporter avevano sborsato 300 euro pur di vedere dal vivo il fenomeno portoghese al Seoul World Cup Stadium. Secondo quanto riportato da As, la Lega sudcoreana ha pubblicato un comunicato per scusarsi coi tifosi per l’assenza del portoghese, lasciato fuori dalla Juve nonostante la clausola (in campo almeno per 45 minuti) che c’era nell’accordo firmato prima dell’evento. La Lega sudcoreana sostiene di non essere stata informata dell’indisposizione del giocatore per tempo e di averlo appreso solamente da Maurizio Sarri, che ha spiegato che non avrebbe schierato il giocatore perché alle prese con un problema muscolare.

JUVE ATTACCATA – TheFasta, l’agenzia che ha organizzato l’evento, ha spiegato che la Juve non ha comunicato la sua decisione: “Ci è stato detto che Ronaldo e Sarri erano a conoscenza della clausola, ma che il giocatore non è sceso in campo per un problema fisico. Poi non hanno risposto alle nostre chiamate”. Nella clausola si parlava di un “risarcimento finanziario” qualora l’impegno non fosse stato portato a termine. La Lega sudcoreana si è indispettita anche perché la gara è cominciata 50 minuti dopo l’orario previsto, perché il volo con cui la Juve ha viaggiato dalla Cina a Seul ha subito un ritardo di oltre due ore. Questo disguido ha comportato l’annullamento di una sessione di autografi. Secondo TheFasta, questi problemi sono stati dovuti alle richieste dei bianconeri, che volevano sbrigare tutti gli impegni in un giorno: “Avevamo detto che i voli avrebbero potuto subire ritardi, ma la Juve era sicura di poter rispettare l’accordo”. E alla fine…tutti si sono arrabbiati.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy