CR7, numeri da alieno: 53 triplette in carriera! E ora punta un record che sembrava irraggiungibile…

CR7, numeri da alieno: 53 triplette in carriera! E ora punta un record che sembrava irraggiungibile…

350 giorni. Quasi un anno prima di tornare a segnare con la nazionale. Un periodo che per un calciatore qualsiasi può anche essere normale. Ma non per CR7. Il portoghese esulta tre volte, ritocca le sue cifre e mette nel mirino un primato che sembrava irraggiungibile…

di Redazione Il Posticipo

350 giorni. Quasi un anno prima di tornare a segnare con la nazionale. Un periodo che per un calciatore qualsiasi può anche essere normale. Ma non per chi va in porta con una facilità che sembra incredibile. L’ultimo gol di Cristiano Ronaldo con la maglia del Portogallo era quello al Marocco a Russia 2018. Poi solamente delusioni, a partire dalla fine di quel mondiale, senza segnare nelle partite contro Iran (con tanto di rigore sbagliato) e Uruguay. Dopo di che ci sono state alcune mancate convocazioni (ovviamente per sua scelta) e altre due partite senza gol, contro Serbia e Ucraina. Ma, conoscendo CR7, questa situazione…non poteva durare.

TRIPLETTE – Anche perchè i numeri parlano chiaro. Come riporta Opta, per il fenomeno di Madeira quella rifilata alla Svizzera nelle semifinali di Nations League è la cinquantatreesima tripletta in carriera. Il che significa che delle 689 reti segnate tra club e nazionale, il portoghese ne ha fatte quasi un quarto a gruppi di tre (o più!). In nazionale è la settima volta che lo juventino segna tre o più gol nella stessa partita, potendo vantare cinque triplette e addirittura un poker. Sotto i suoi colpi sono cadute delle “piccole” come Far Øer, Irlanda del Nord, Armenia o Andorra (che ne ha presi quattro da CR7), ma anche delle corazzate come la Spagna al Mondiale o squadre di tutto rispetto come la Svezia di Ibra e, appunto, la Svizzera.

GOL INTERNAZIONALI – La norma dunque per Cristiano Ronaldo segnare a grappoli in nazionale. E la tripletta in Nations League lo porta sempre più in alto, all’inseguimento di uno dei pochi record che ancora gli manca. Il portoghese è infatti secondo nella classifica dei migliori marcatori di tutti i tempi a livello internazionale. Per lui 88 reti con il Portogallo, che gli permettono di staccare il terzo in classifica, il Colonnello Puskas e i suoi 84 centri con la maglia dell’Ungheria, e chissà, forse di puntare al top. Il primato è ancora lontano 21 marcature, perchè l’iraniano Ali Daei è riuscito a segnare per ben 109 volte in 149 presenze. Lontano sì, ma neanche troppo. CR7 non ha alcuna intenzione nè di lasciare la nazionale nè di smettere di segnare. E se continua con ritmi simili, potrebbe prendersi anche questo primato…in sette partite!

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy