CR7 e il riscatto sociale: da quella volta che presero in giro lui e suo padre…

CR7 e il riscatto sociale: da quella volta che presero in giro lui e suo padre…

L’infanzia difficile di Ronaldo è stata anche la molla che lo ha spinto a cercare il riscatto sociale attraverso il calcio. Il Sun rivela alcuni particolari…

di Redazione Il Posticipo

L’infanzia difficile di Ronaldo è stata anche la molla che lo ha spinto a cercare il riscatto sociale attraverso il calcio. Il Sun rivela alcuni particolari dell’infanzia del portoghese. CR7 si è commosso ricordando il genitore che non è riuscito a vincere la battaglia contro l’alcolismo e ne è rimasto vittima. Il tabloid però ha anche rivelato altri piccoli particolari.

LEGAME – Il legame fra Cristiano e il papà Josè Diniz Aveiro è  molto forte. Secondo quanto riportato dal tabloid britannico il calciatore ha cercato sino all’ultimo di aiutare il genitore, finito nel gorgo dell’alcolismo sebbene, come ha ammesso anche CR7 e riportato dal tabloid, era difficile averci un rapporto, deteriorato anche dalla impossibilità di comunicare. “Era spesso ubriaco, impossibile conversarci”. Il male di vivere di Josè però però nasce da lontano…

SOLDATO – Il padre di Ronaldo, non è stato solo un giardiniere. Ha vissuto sulla propria pelle la guerra. L’Angola voleva rivendicare la propria indipendenza dal Portogallo che, per tutta risposta, inviò l’esercito. Le atrocità vissute in quei  mesi, secondo quanto riportato dal Sun, avrebbero influito pesantemente su Josè. Il tabloid parla di condizioni di vita al limite della sostenibilità. Un quadro desolante che lo ha spinto sull’orlo dell’abisso.

PRESE IN GIRO – La situazione era già complicata quando lo  Sporting Lisbona ha cercato di aiutare la famiglia Ronaldo. Durante la permanenza del ragazzo di Madeira nella capitale portoghese, il ragazzo fu accompagnato proprio dal padre, assunto come giardiniere. Le condizioni umili in cui versavano i Ronaldo divennero oggetto di scherno fra i ragazzi.  Non avevano fatto i conti con l’infinito orgoglio di CR7 che promise a suo padre di diventare il migliore del mondo per rispondere sul campo, in tutti i sensi, alla cattiverie. Josè non ha fatto in tempo a vederlo, ma suo figlio  ha mantenuto la promessa.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy