CR7 e il…miracolo del sesto anno: il portoghese si rigenera e segna a ripetizione

CR7 e il…miracolo del sesto anno: il portoghese si rigenera e segna a ripetizione

Lo juventino va a caccia della sesta partita consecutiva in gol, un risultato che gli permetterebbe di raggiungere se stesso. E che conferma un dato curioso: ogni sei anni, il numero 7 bianconero…si rigenera.

di Redazione Il Posticipo

Solitamente si parla di “crisi del settimo anno”, ma quando l’argomento è Cristiano Ronaldo, quel termine non è minimamente avvicinabile al cinque volte Pallone d’Oro. Che magari frena, ma in crisi non ci va. E, siccome non è come gli altri, anche i sette anni al portoghese non vanno molto a genio. Anzi, lui preferisce il sei. Basta guardare le sue statistiche per rendersene conto. Siamo nel 2020 e lo juventino va a caccia della sesta partita consecutiva in gol, un risultato che gli permetterebbe di raggiungere se stesso. E che conferma un dato curioso: ogni sei anni, il numero 7 bianconero…si rigenera.

2008 – Sassuolo (1 gol), Lazio (1), Udinese (2), Sampdoria (1), Cagliari (3). Segnando anche contro la Roma, Cristiano Ronaldo eguaglierebbe il suo record di partite di seguito a segno in Premier League, relativo alla stagione 2007/08. Con la maglia dello United, il portoghese (che quell’anno avrebbe vinto il Pallone d’Oro, oltre alla Premier e alla sua prima Champions League) punisce consecutivamente il Derby County (1 gol), il Bolton (2), il Liverpool (1), Aston Villa (1 rete ma ben 3 assist), Middlesbrough (1) e Arsenal (1), realizzando quindi 7 delle sue 31 reti stagionali in campionato in quella stagione. Una vera e propria impresa, che però impallidisce di fronte a quella compiuta con la maglia del Real Madrid.

2014 –  Il record personale di Cristiano Ronaldo è infatti stato stabilito nella Liga con una striscia di 11 partite consecutive a segno. L’anno, neanche a dirlo, è il 2014, quando tra agosto e novembre CR7 non risparmia davvero nessuno. Cordoba (1 gol), Atletico Madrid (1), Deportivo La Coruña (3), Elche (4), Villarreal (1), Athletic Bilbao (3), Levante (2), Barcellona (1), Granada (1), Rayo Vallecano (1) ed Eibar (2), per un totale di 20 dei 48 gol segnati in campionato in quella stagione pazzesca, in cui però CR7 non vince nè la Liga, nè la Champions, nè il Pallone d’Oro, che finiscono nelle mani del Barcellona del Triplete di Luis Enrique e di Messi. Ma in ogni caso, la conferma c’è: ogni sei anni, il portoghese spara a ripetizione. La Roma è avvisata.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy