Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

CR7 e…i problemi da papà: la passione di Cristiano junior che faceva impazzire il portoghese…

CR7 e…i problemi da papà: la passione di Cristiano junior che faceva impazzire il portoghese… - immagine 1

CR7 ha un'idea di famiglia molto forte e non perde occasione per spiegare quanto sia importante il rapporto con i suoi figli. A raccontare un aneddoto molto particolare al riguardo ci pensa il giornalista spagnolo Manu Sainz...

Redazione Il Posticipo

Cristiano Ronaldo: calciatore, icona mondiale e...padre. CR7 ha un'idea di famiglia molto forte e non perde occasione per spiegare quanto sia importante il rapporto con i suoi figli. L'infanzia complicata, con i problemi di alcol di suo padre e la sua morte, quando il portoghese aveva 21 anni, ha lasciato il segno sul cinque volte Pallone d'Oro, che dunque ci tiene parecchio al rapporto con Cristiano junior e il resto della truppa (Mateo, Eva e Alana Martina). A spiegarlo ci sono sue interviste, come quella in cui spiegava di aver portato il figlio maggiore nell'alloggio dove viveva a Lisbona per fargli capire come nella vita nulla sia scontato. Ma anche dichiarazioni di suoi amici.

AUTOMOBILI - A raccontare un aneddoto molto particolare sul Cristiano padre arriva Manu Sainz. Il giornalista spagnolo è considerato a Madrid uno dei più vicini a CR7 e in un video diffuso da AS ha parlato delle passioni del portoghese e di come suo figli Cristiano junior da piccolo lo abbia...spaventato. Tutta colpa delle macchine, uno dei grandi amori dell'attaccante dello United. "Credo che una delle passioni più conosciute di Ronaldo sia quella per le automobili, ne ha tantissime. Io ho avuto la fortuna di salire su una delle sue macchine. Era una Ferrari, non sono un appassionato, ma faceva un suono bellissimo".

MACCHINA O PALLONE? - Che evidentemente non ha affascinato solo Sainz, ma anche Cristianinho. "Un giorno, quando Cristiano junior era ancora piccolo, Cristiano gli ha chiesto: 'Cosa ti piace di più, la macchina o il pallone?'. E lui ha risposto 'la macchina'. A quel punto Cristiano gli ha detto 'no, no, no, il pallone, il pallone!'". Un colpo basso per il portoghese... Che però alla fine, come sempre, ha vinto. "Credo che volesse vederlo giocare a calcio. E adesso che è cresciuto è un piccolo calciatore e sta facendo molto bene. E quindi Cristiano ha ottenuto il suo obiettivo". Dunque, scampato pericolo. Anche se, vista la competitività nel DNA di casa Ronaldo, immaginare Cristianinho sul podio con i go-kart non è poi così complicato...