Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Covid, il piano “B” di Johnson infligge un duro colpo alla Premier: chi rimborsa i biglietti?

LONDON, ENGLAND - APRIL 14: British Prime Minister, Boris Johnson, leaves for the first Prime Ministers Questions after the Easter Recess at Downing Street on April 14, 2021 in London, England. (Photo by Chris J Ratcliffe/Getty Images)

Nuova stretta del governo britannico per arginare il contagio legato alla variante “omicron” del Covid-19 che spaventa l’Inghilterra. E di conseguenza anche il calcio inglese. Il premier  Boris Johnson si è rivolto alla nazione...

Redazione Il Posticipo

Nuova stretta del governo britannico per arginare il contagio legato alla variante "omicron" del Covid-19 che spaventa l'Inghilterra. E di conseguenza anche il calcio inglese. Il premier  Boris Johnson si è rivolto alla nazione con un aggiornamento chiave sul piano del governo per affrontare la situazione: il famoso piano B. E le nuove restrizioni covid infliggono un duro colpo sia alle speranze di un Natale normale oltre a mettere in seria difficoltà la Premier che a dicembre alza storicamente i giri del motore del calendario.

PASS - Come riportato dal Sun, la chiave che potrebbe aprire la porta della crisi è nell'introduzione di "passaporti vaccinali" per l'ingresso a tutti gli eventi sportivi con una folla di oltre 10.000 persone, cambia le normative: i tifosi dovranno dimostrare di essere vaccinati due volte o di avere un test negativo entro 24 ore da una partita per poter entrare. Una scelta che, secondo la Premier League, rischia di danneggiare le casse dei club considerando che i tifosi potrebbero chiedere rimborsi di abbonamenti e biglietti.

CAOS -  Secondo quanto riportato oltremanica, i club stanno esortando i dirigenti della Premier a mettere da parte i soldi. Nessuno vuole subire un nuovo contraccolpo economico. Anche la Lega, però, non sembra molto diposta ad ascoltare le richieste. E potrebbe opporsi, sottolineando di non essere mai stata coinvolta in precedenza in questioni relative ai biglietti, che sono sempre state di competenza dei singoli club.

 WOLVERHAMPTON, ENGLAND - OCTOBER 02: Newcastle United fans react during the Premier League match between Wolverhampton Wanderers and Newcastle United at Molineux on October 02, 2021 in Wolverhampton, England. (Photo by Naomi Baker/Getty Images)

RESPONSABILITA' - La situazione rischia di trasformarsi in uno stallo messicano. I vertici ritengono di non essere responsabili di una situazione che è stata decisa dal governo e che eventuali controversie finanziarie tra club e tifosi dovrebbero essere risolte tra loro. Fonti vicine alla dirigenza hanno spiegato la situazione: nessuno ha mai imposto delle normative ai club su come gestire la compravendita dei biglietti. E nessuno in Premier sta introducendo passaporti vaccinali e nemmeno li impone come requisito obbligatorio. Tuttavia il Governo potrebbe varare nuove soluzioni che potrebbero cambiare ulteriormente la situazione.