Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Courtois contro la UEFA: “Match fatto per soldi. Dicono no alla Superlega, ma non gli importa dei giocatori!”

Courtois contro la UEFA: “Match fatto per soldi. Dicono no alla Superlega, ma non gli importa dei giocatori!”

Partita inutile o motivo di interesse? Il match tra Italia e Belgio, valido per il terzo e il quarto posto della Nations League, ha creato parecchie polemiche. E Courtois dice la sua...

Redazione Il Posticipo

Partita inutile o motivo di interesse? Il match tra Italia e Belgio, valido per il terzo e il quarto posto della Nations League, qualche significato ce l'aveva: il ranking (per essere teste di serie al Mondiale), i premi (c'è una differenza seppure minima in base al piazzamento) e soprattutto...interessava alla UEFA. Il fatto che si sia giocata la "finalina", però, non è andato molto giù ai giocatori. E in particolare ci ha pensato Courtois, in un video pubblicato da Sky Sports e diventato virale, a spiegare quanto la partita dello Stadium sia stata per chi è andato in campo anche motivo di frustrazione.

SOLDI - "Questa partita si gioca solo per soldi e dobbiamo essere onesti al riguardo. Abbiamo giocato perchè per la UEFA sono altri soldi e una gara in più in TV. Noi abbiamo giocato perchè per noi era una bella partita contro l'Italia e per loro una bella partita contro il Belgio. Tutti quanti, giocatori e allenatori, hanno detto 'certo che vogliamo giocare questa partita', ma basta vedere le squadre quanti giocatori hanno cambiato rispetto alle semifinali, sia noi che loro. Se fossimo andati in finale avrebbero giocato altri". E a vedere le formazioni in campo, il belga non ha tutti i torti.

CALENDARI - Un problema, quello dei calendari sovraccarichi, che preoccupa molto il portiere del Real Madrid, anche in vista della prossima stagione. "Questo dimostra che giochiamo troppe partite. L'anno prossimo ci saranno i mondiali a novembre e dovremo giocare di nuovo fino a giugno inoltrato. Ci infortuneremo, ma a nessuno interessa più dei calciatori. A giugno ci saranno altre partite di Nations League e ci si accorceranno di nuovo le vacanze, poche settimane non bastano per permetterci di continuare a giocare per mesi ad alto livello. Ma se continuiamo a non dire nulla al riguardo sarà sempre così".

UEFA - E arriva una stoccata a Ceferin... "Poi alla UEFA dicono di no alla Superlega, ma in realtà hanno fatto la stessa cosa. Altre partite, un trofeo in più, la Conference o come si chiama, è sempre la stessa storia. Possono anche essere arrabbiati perchè alcune squadre vogliono fare una Superlega, però non gli importa dei calciatori, ma solo delle loro tasche e questa è una cosa brutta. I calciatori non ne parlano, ma adesso sento che vorrebbero mettere gli Europei e i Mondiali ogni anno, ma noi quando ci potremo riposare? Mai. Quindi i migliori giocatori continueranno a infortunarsi e finirà così. È un qualcosa a cui bisognerebbe pensare di più. Non siamo robot". Non è il primo che lo dice e non sarà di certo l'ultimo.