Cosmi e la maledizione della Serie B: un rapporto da riscrivere

Cosmi e la maledizione della Serie B: un rapporto da riscrivere

In ogni partita da dentro o fuori riguardante la Serie B, il tecnico perugino è sempre uscito sconfitto dal campo. Che siano play out o play off non ha importanza, la serie cadetta non ha mai sorriso a Cosmi.

di Mattia Deidda

Arezzo

119genoa-arezzo

La prima panchina importante della carriera. In cinque anni al comando della squadra toscana, Cosmi porta l’Arezzo dalla Serie D alle C1. Un balzo in avanti importante, arrivato grazie la vittoria nei play off della serie C2, dove prima batte la Ternana (semifinale) e poi lo Spezia, in una partita al cardiopalma risolta al 90′ su calcio di rigore, con ben otto minuti di recupero a testare il funzionamento dei cuori dei tifosi toscani. La prima stagione in C1 è di adattamento, la seconda, invece, l’Arezzo fa sul serio, e raggiunge, di nuovo, i play off. Inizia da qui il complicato rapporto tra Cosmi e qualsiasi scontro da dentro o fuori riguardante la Serie B, eliminato in semifinale dall’Ancona.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy