Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Cosa c’è dietro il “no” di Kahn a CR7: equilibri, età e non solo…

Cosa c’è dietro il “no” di Kahn a CR7: equilibri, età e non solo… - immagine 1
In Germania spiegano i retroscena della decisione

Redazione Il Posticipo

Cristiano Ronaldo al Bayern? La voce si è diffusa di recente, come spesso accade nel calcio dominato dall'era 2.0 su internet e sui social.  Ma come confermato a Kicker da Kahn, il Bayern Monaco non ha alcuna intenzione di puntare sul fuoriclasse portoghese. E in Germania spiegano i retroscena della decisione.

NEIN

Il nome di Cristiano Ronaldo è tornato di forte attualità dopo che il calciatore non si è presentato agli allenamenti con il Manchester United. La situazione è nota. CR7 potrebbe e può ancora benissimo trasferirsi in un top club europeo per giocare in Champions League ma nessuna qualificate e favorite nella corsa per l'Europa che conta possono aiutarlo.  Liverpool, Real Madrid, ​​​​PSG  e Manchester City sono fuori questione. Dunque più di qualcuno lo ha accostato alla Säbener Straße dove però a spegnere la pista è stato proprio Khan. " Per quanto apprezzi Cristiano Ronaldo un suo trasferimento non rientrerebbe nella nostra filosofia".

FILOSOFIA

Resta da capire cosa intenda Kahn quando dice che Ronaldo non rientra nella filosofia del club. Da una parte c'è l'età: 37 primavere. Il Bayern Monaco ha già messo in dubbio Lewandowski, non prolungando il contratto alle condizioni che richiedeva il portoghese. Dunque difficilmente ingaggerà un giocatore che è quasi alla fine della loro carriera. Quando lo fecero nel 2014 fu una eccezione e comunque legata a una carta d'identità ancora più verde rispetto a quella di CR7. L'ultimo ultratrentenne sbarcato in Baviera è stato, da 32enne Xabi Alonso ma dietro una precisa richiesta, accordata da Rummenigge, di Guardiola e Sammer.

EQUILIBRIO

L'altro "no" è legato anche ad una questione di equilibrio interno. In Germania ritengono che l'arrivo di Ronaldo possa scuotere il club e la struttura della squadra a livello di stipendio e immagine. Inoltre, non è un calciatore che si adatta a una squadra che predilige un calcio intenso. A spostare verso il "sì" l'ago della bilancia, a questo punto. è solo il lato economico, oltre che sportivo, che nel calcio odierno conta parecchio. Ronaldo è una macchina di marketing, con il suo arrivo si sarebbero potuti trovare nuovi partner e la vendita delle maglie sarebbe schizzato alle stelle. Il tutto si racchiude in una sola parola: rifinanziamento. Non è stato però sufficiente per convincere Khan.