Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Corsi: “Soddisfatto del mercato ma deluso a livello umano. Zurkowski? A volte si perdono energie inutilmente”

Corsi: “Soddisfatto del mercato ma deluso a livello umano. Zurkowski? A volte si perdono energie inutilmente” - immagine 1
Il mercato lascia in eredità un Empoli diverso e anche qualche rapporto incrinato.

Redazione Il Posticipo

Il Presidente dell’Empoli, Fabrizio Corsi, ha tracciato un bilancio del mercato appena concluso in una intervista concessa alla Nazione. Soddisfatto delle operazioni, un po' meno per quanto accaduto con Zurkowski promesso dalla Fiorentina e mai arrivato.

RAPPORTI

Il mercato lascia in eredità un Empoli diverso e anche qualche rapporto incrinato. "Siamo soddisfatti, riteniamo che la squadra abbia una certa quadratura e caratura. La rosa è composta da 22-24 calciatori che sono intercambiabili e in gradi di ricoprire più ruoli. Zurkowski è stato un obiettivo, spiace che non sia arrivato. Alla fine abbiamo virato su Akpa-Akpro, un calciatore di fisico e corsa che ci darà una grande mano. A livello tecnico non sono dispiaciuto, dal lato umano un po' si. Ci siamo rimasti male, a volte sembra di disperdere energie per il niente. Adesso però voltiamo pagina e guardiamo avanti".

ZANETTI

L'Empoli è profondamente diverso dalla scorso anno. "Credo dipenda anche dalla rosa che ha caratteristiche diverse rispetto allo scorso anno. C'è una impostazione differente, siamo consapevoli di affrontare un campionato difficile ma ritengo che ci siamo attrezzati per difendere la serie A. Magari ci proveremo con un atteggiamento un po' meno spregiudicato ponendo maggiore attenzione alla fase difensiva. L'Empoli è una delle squadre che subisce meno tiri in porta. La strada mi sembra quella giusta, con il tempo saremo in grado anche di correggere i difetti e completare il nostro percorso di crescita".

Corsi: “Soddisfatto del mercato ma deluso a livello umano. Zurkowski? A volte si perdono energie inutilmente” - immagine 1

GIOVANI

L'Empoli si conferma una squadra che mette in mostra giovani di talento. Baldanzi è l'ultimo esempio. " Il ragazzo ha fatto intravedere grandi cose, forse anche in anticipo rispetto alle aspettative. Adesso, come sempre, è doveroso non caricarlo di troppe pressioni.  Ogni volta che un nostro giovane si impone è un motivo di grande orgoglio soprattutto per me che passo ogni domenica mattina a seguire i 2010. Ho già visto alcuni elementi del 2006 e 2007 che hanno prospettive. Ho sempre dedicato molto tempo al settore giovanile, è la mia passione. I soldi che incassiamo vengono poi reinvestiti, anche in maniera maggiore rispetto alle nostre dimensioni.”