Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Corsi promuove Zanetti e blinda Vicario: “Allenatore determinato e appassionato, capitolo portiere chiuso”

Corsi promuove Zanetti e blinda Vicario: “Allenatore determinato e appassionato, capitolo portiere chiuso” - immagine 1
L'Empoli si lascia alle spalle la prima settimana di lavoro in ritiro.

Redazione Il Posticipo

L'Empoli si lascia alle spalle la prima settimana di lavoro in ritiro. Un 11-0 al Castelfiorentino, poco più di uno sparring partner, e tante indicazioni legate al nuovo corso tecnico di Zanetti. Il presidente Corsi, intervistato dalla Nazione, ha tracciato un parziale bilancio  soffermandosi soprattutto sulle impressioni legate al cambio della guida tecnica e alle prospettive di mercato.

IMPRONTA

Il presidente ha scelto Zanetti per rompere con il passato ed evitare che la squadra si appiattisca. Storicamente l'anno susseguente alla salvezza è ancora più complicato della stagione in cui si è conseguite. Le prime sensazioni legate all'ex allenatore del Venezia sono buone. "Il percorso è appena iniziato e servirà ancora del tempo per avvicinarsi nella migliore condizione possibile al campionato. La squadra ha lasciato intravedere sin da subito una fisionomia e una impostazione di gioco. L'impronta del tecnico è abbastanza chiara. Merito anche del gruppo che si è messo a disposizione del nuovo allenatore con impegno. Zanetti è un allenatore metodico appassionato e determinato".

Corsi promuove Zanetti e blinda Vicario: “Allenatore determinato e appassionato, capitolo portiere chiuso”- immagine 2

MERCATO

Inevitabile parlare anche di mercato argomento sempre molto caldo. L'Empoli è come consuetudine al centro di tante trattative. La "gioielleria" ha diversi pezzi pregiati messisi in vetrina nella passata stagione. Alcuni sono già andati. Altri interessano, e anche parecchio, alle grandi ma Corsi non ha intenzione di smantellare una squadra che deve inseguire la salvezza. "La dirigenza vuole fermamente mantenere la struttura della rosa. Anche perché vi sono diversi giocatori che ancora devono completare il loro percorso di crescita. Abbiamo concordato un percorso, poi chiaramente il mercato è una materia molto fluida e c'è ancora parecchio tempo prima che si scriva la parola fine. Di certo, però, mi sembra che il capitolo relativo ai portieri si sia chiuso. Del resto è un ruolo particolare e i club si muovono sempre in anticipo rispetto agli altri reparti per colmare eventuali lacune. Per quel che concerne difensori, centrocampisti e attaccanti invece mi sembra che ci siano ancora tanti movimenti da definire.”