Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Coronavirus, Torreira: “Nessuno pensava di contrarre il Covid-19. Londra è spaventata”

Torreira resta a Londra La diffusione del Covid-19 che ha contagiato Arteta e costretto l'Arsenal alla quarantena gli ha impedito di tornare in Sudamerica.

Redazione Il Posticipo

Torreira resta a casa, lontano dalla famiglia e spaventato dal Covid-19. Le dichiarazioni rilasciate dal centrocampista sudamericano a Radio Sport 890 e riprese dal Sun spiegano come l'ex Sampdoriano viva la propria quarantena a Londra. Alcune immagini, fra l'altro, sono state pubblicate dello stesso Torreira sul profilo Instagram.

CLAUSURA - Il ragazzo sperava di rientrare a casa, ma i suoi piani sono saltati quando il volo da Londra è stato cancellato Ma quei piani sono stati sospesi dopo che il suo volo da Londra è stato annullato ed è stato costretto all'autoisolamento dalla positività al Covid-19 del manager Mikel Arteta. “È difficile. Questa settimana sarei dovuto essere in Uruguay, ma tutti i voli sono stati cancellati a causa del virus. Negli ultimi giorni a Londra sono stati scoperti molti casi di coronavirus e le persone erano abbastanza spaventate. In alcuni supermercati non è più possibile trovare carta igienica né gel disinfettanti. La verità è che nessuno all'Arsenal si aspettava che il virus raggiungesse il club e lo spogliatoio ma Mikel Arteta è stato in grado di comunicare con noi e ci dice che sta migliorando e che si sente meglio."

RECUPERO  - Torreira ha anche confermato che l'infortunio alla caviglia destra,non richiederà un intervento chirurgico. "Sono contento perché gli esami sono stati positivi e anche se adesso indosso ancora lo stivale ortopedico, tra le otto e le dieci settimane potrò lavorare di nuovo normalmente". Diagnosi confermata anche dal medico della nazionale uruguaiana, come riportato dal tabloid. "L'infortunio di Torreira non è così grave come pensavamo inizialmente. Sarà immobilizzato e non sarà necessario un intervento chirurgico. Riteniamo che tra le sette e le otto settimane sarà in grado di iniziare a lavorare progressivamente ". Non resta che aspettate, da qualunque prospettiva si osservi la situazione