Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Coronavirus, si pensa a una Premier…stile Mondiali: tutti in ritiro in albergo (cameraman compresi) e un ospedale solo per i calciatori

Il mondo del calcio si preoccupa di cosa accadrà alla stagione 2019/20. I campionati e le coppe europee sono a un bivio, ma per far sì che si riesca a finire tutto ci sarà necessità di condensare poche partite in pochissimo tempo. In...

Redazione Il Posticipo

Non che con gli effetti della pandemia di Covid-19 in tutto il mondo sia una priorità, ma il mondo del calcio si preoccupa di cosa accadrà alla stagione 2019/20. I campionati e le coppe europee sono a un bivio, o si termina tutto (e lo si fa tutti) oppure si annullano tutti i tornei, con buona pace di chi pensava di aver già vinto il campionato (come il Liverpool in Premier League) o di essere già tornati nel calcio che conta (il Benevento, padrone della Serie B). Per far sì che si riesca a finire, però, ci sarà necessità di condensare poche partite in pochissimo tempo.

ISOLAMENTO PER TUTTI - In Inghilterra, però, hanno avuto un'idea. Come riporta TheIndependent, le giornate mancanti della Premier League potrebbe somigliare di più alla Coppa del Mondo che al campionato inglese che tutti ben conoscono. Un concetto senza dubbio particolare, ma che va incontro all'emergenza attuale e alla necessità di mettere un punto al torneo. La testata britannica spiega che è allo studio un sistema per giocare le 92 partite mancanti garantendo la massima sicurezza a tutti quanti. Come? Disponendo ritiri rigorosamente chiusi negli alberghi, spedendo anche gli arbitri e persino i cameraman che si occupano della trasmissione dei match in isolamento con i calciatori.

OSPEDALI E TV - Un tour de force tra giugno e luglio, con partite ovviamente a porte chiuse, e un sistema di sicurezza enorme, che porterebbe addirittura la Premier a riservare per i due mesi in questione un ospedale privato dove spedire i calciatori in caso di infortunio. L'obiettivo, in questo caso, sarebbe quello di non pesare sul sistema sanitario nazionale, lasciando però a chi va in campo la possibilità di essere assistiti al meglio in caso di problematiche fisiche. Un concetto certamente interessante, che farebbe piacere anche alle televisioni. Considerando che in quel periodo sarebbe andato in onda Euro 2020, ora rinviato, una Premier League simil-Mondiale con tutte le partite trasmesse sarebbe certamente appetibile. Anche se, questione da non sottovalutare, difficile non sapere già chi vincerà...