Coronavirus, Ozil: “Il calcio non è così importante adesso” e ringrazia chi è in prima linea

Coronavirus, Ozil: “Il calcio non è così importante adesso” e ringrazia chi è in prima linea

Ozil si unisce alla folta schiera di calciatori che si stanno impegnando nel diffondere il messaggio anti contagio.

di Redazione Il Posticipo

Il concetto di restate a casa per fermare la pandemia legata alla diffusione del Covid-19 ha faticato prima di essere compreso a tutti i livelli. Poi ha colpito anche il calcio. Uno schiaffo che ha risvegliato le coscienze di addetti ai lavori e calciatori. E anche Ozil, che ha visto il “mostro” da vicino, si è unito alle voci di sostegno contro un nemico invisibile quanto ostinato, che ha colpito, fra gli altri, anche l’allenatore dei Gunners Arteta.

OZIL – Come riportato dal Sun il calciatore tedesco campione del mondo con la nazionale nel 2014, ha utilizzato il proprio profilo twitter per ringraziare chi sta compiendo sforzi immani nella lotta e nel contenimento del contagio. Mettendo anche in secondo piano il calcio.

SOCIAL – Come molti colleghi, anche Ozil invita a tutelare la salute e coglie anche l’occasione di citare i veri eroi del momento. Dottori, infermieri e tutti gli operatori sanitari impegnati nella partita più importante di questo inizio 2020. E quindi lancia il suo appello.

 

 

“Il calcio non ha importanza in questo momento. La salute e il benessere di tutti è molto più importante di ogni altra cosa. Ragazzi, prendete tutte le precauzioni che potete,  siate consapevoli e attenti. Considerate tutti i rischi, specialmente nei confronti di chi è ad alto rischio in caso di contagio. E mentre affrontiamo questo problema globale, non dovremmo dimenticare di ringraziare tutti i medici, le infermiere, gli scienziati di tutto il mondo che stanno contribuendo a impedire la diffusione di questo virus. Sono sotto pressione nelle prossime settimane e meritano il nostro rispetto e gratitudine”.

 

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy