Coronavirus, Hodgson rischia di non poter andare in panchina

Coronavirus, Hodgson rischia di non poter andare in panchina

La Premier League si prepara ad affrontare una possibile emergenza Coronovirus. Un’idea, è quella di evitare l’ingresso negli stadi agli over 70, ovvero la fascia più a rischio. Dovesse succedere, il Crystal Palace si ritroverebbe senza allenatore.

di Redazione Il Posticipo

Hodfgson rischia di non potere più andare in panchina in Premier. Incredibile, ma vero. In Inghilterra un nuovo giro di vite rischia di non permettere al decano degli allenatori inglesi di sedere in panchina.

STADIO – L’Inghilterra non ha ancora preso in considerazione le porte chiuse. In un campionato come quello inglese, la soluzione può essere vista come una vera e propria tragedia. Gli stadi pieni, d’altronde, sono il vero valore aggiunto della Premier League. Mai un posto vuoto, mai un’atmosfera che non regali brividi. Di fronte discorsi che riguardano la salute delle persone, però, anche la Premier, non può che fare un passo indietro ed accettare la decisione delle autorità. E non è tutto: essendo le persone anziane le più a rischio di vita contraendo il virus, il campionato inglese è pronto a vietare l’ingresso allo stadio agli over 70. Dovesse accadere veramente, i giocatori del Crystal Palace si ritroverebbero senza allenatore. Il decano degli allenatori, infatti, è… over.

HODGSON – Roy Hodgson, di anni 72, come  riportato da givemesport.com  rientra nella categoria“La lega sta valutando varie opzioni: una di queste potrebbe essere un possibile “ban” per gli over 70, ovvero la fascia di età considerata più a rischio”. Parole della corrispondente di Sky News: “La Premier League è preparata alla possibilità di dover giocare a porte chiuse”. Per ora, si tratta solamente di un’ipotesi.  Le autorità sportive sono state convocate dal governo per cominciare a pensare ad un piano di azione in caso di emergenza. L’incontro è fissato lunedì a Londra.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy