Corini su Dessena: “Speriamo sia una contusione. Ayé? In B sarebbe stato gol”

Corini su Dessena: “Speriamo sia una contusione. Ayé? In B sarebbe stato gol”

Brescia fermato dal VAR che annulla un gol di Ayè ma non interviene per il rosso a Pulgar nell’intervento su Dessena. Quanto basta per rovinare la serata di Corini. “In serie B sarebbe stato gol” riassume in poche parole il concetto.

di Redazione Il Posticipo

Una serata da dimenticare per il Brescia. Sfida ostica fra due squadre molto organizzate. I padroni di casa avevano anche trovato il gol ma la VAR ha annullato la rete di Ayè. E poi non è intervenuta per segnalare la possibilità di un “rosso” a Pulgar per il fallo che forse è costato una nuova frattura a Daniele Dessena. Quanto basta per rovinare la serata di Corini. “In serie B sarebbe stato gol” riassume in poche parole il concetto.

DESSENA – Il pensiero, ovviamente, va anche a Dessena. L’infortunio occorso al ragazzo ha commosso il web e ovviamente ha turbato anche il tecnico del Brescia. Al netto della perdita tecnica, c’è anche tanta umanità nelle parole dell’allenatore delle rondinelle. Corini commenta così la sfida su Sky Sports: “Una forte contusione, il ragazzo si è spaventato, abbiamo la speranza che stia bene ma dobbiamo aspettare gli esami strumentali, speriamo non sia niente di grave. Qualcosa di certo ha scombussolato, dal punto di vista tattico ed emotivo. La  partita è stata meno bella, ma noi pur con un po’ di qualità in meno, abbiamo compensato con l’intensità. Un gol l’avevamo anche fatto ma non è stato concesso”.

SOSTA – Il Brescia ha giocato una partita aggressiva e insieme giudiziosa. La Fiorentina, del resto, aveva più ricambi e qualità e alla lunga ha rischiato anche di portare a casa il risultato pieno. Sarebbe stato troppo. “L’importante è creare comunque i presupposti per la via del gol. La sosta ha inciso dal punto di vista della reattività. Qualcosa in meno c’era. La squadra ha comunque risposto bene nonostante un pizzico di poca abitudine al ritmo partita. Sapevamo di pagare qualcosa, ma siamo rimasti dentro al match. Lo spirito è comunque quello giusto”.

PROSPETTIVE – Adesso il calendario è in discesa. “Abbiamo avuto tanti impegni complicati, abbiamo giocato con tutte le big tranne l’Inter, la squadra ha sempre fatto bene per spirito e organizzazione. Potevamo portare a casa qualcosa in più ma abbiamo dimostrato di poterci stare. Sicuramente ci proveremo sino alla fine. Balotelli e Donnarumma sono due finalizzatori, oggi mi serviva una punta come Ayè che regge di più per fisicità anche  per dare un carico diverso ai centrocampisti”.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy