Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Qatar, fra Salah e Mane uno è di troppo…. come al Liverpool

(Photo by Nathan Stirk/Getty Images)

Una sfida che sarà seguita da vicino da Jurgen Klopp che dovrà sicuramente consolare una delle due stelle al rientro sul Merseyside.

Redazione Il Posticipo

Egitto e Senegal dopo essersi giocati la Coppa D'Africa si ritrovano di fronte per un posto al Mondiale. Salah e Mane si sono giocati il trofeo e il loro rendimento non ne ha risentito. Questa volta però difficilmente ritroveranno entrambi il sorriso in vista della ripresa del campionato. Questa volta uno è di troppo, esattamente come al Liverpool. Che i due siano compagni di squadra ma non si amino, del resto, è noto.

SOPPORTAZIONE - La difficile convivenza fra i due, oltre ad alcune discussioni confermate dai diretti interessati, si palesa spesso anche in campo dove, sino a che è possibile, i due cercano la giocata personale. L'ultima annata, parecchio negativa del Liverpool, ha anche minato l'unico collante le vittorie che nelle ultime stagioni hanno invece aiutato a smaltire qualsiasi tensione. Acqua passata, ma neanche troppo. A Klopp però interessa soprattutto che tornino in forma. A gestirli, ci penserà lui. "Dovrebbero essere disponibili e chiunque vinca probabilmente tornerà nel proprio paese per i festeggiamenti. Quindi uno sarà qui martedì e l'altro mercoledì. Parlerò con entrambi quando torneranno, anche se perlomeno posso essere sicuro che non avranno problemi di tenuta dopo aver giocato così tante partite".

(Photo by Nathan Stirk/Getty Images)

RINNOVO - In comune, però, per entrambi, c'è un altro fattore. Il rinnovo del contratto. Sia Salah che Mane incroceranno i loro destini con una firma in sospeso. Ai due attaccanti del Liverpool restano 18 mesi di contratto e sia per l'egiziano sia per il senegalese le trattative procedono con una certa lentezza. Come spiegato qualche tempo fa dal Mundo Deportivo, proprio a causa dell'egiziano (ma non solo), l'attaccante del Liverpool potrebbe considerare l'idea di cambiare aria. E magari di arrivare a Barcellona, sostituendo Messi o affiancandolo in caso di permanenza della Pulce. Tutta questione...di meriti. Il quotidiano spagnolo sottolinea come nel corso delle ultime stagioni il rapporto di Manè con Klopp e con il Liverpool in generale sia andato deteriorandosi. E questo perchè al senegalese non viene riconosciuta troppa importanza. Del trio d'attacco dei Reds, Manè è quello che ha reso di più nella stagione in corso. Eppure a finire sotto i riflettori è sempre Salah.