Coppa d’Africa 2019, la prima qualificata è…il Madagascar degli impronunciabili!

La nazionale del Madagascar si mette in pole position e stacca il biglietto per la prossima Coppa d’Africa, che vedrà per la prima volta in campo anche i rappresentanti dell’isola più grande del continente nero.

di Redazione Il Posticipo

Prima in tutti i sensi. La nazionale del Madagascar si mette in pole position e stacca il biglietto per la prossima Coppa d’Africa. In Camerun, a partire da giugno, ci saranno anche i rappresentanti dell’isola più grande del continente nero, che con la vittoria contro la Guinea Equatoriale sono già certi della qualificazione con due giornate di anticipo. E quindi, oltre ai padroni di casa, i ragazzi guidati da Nicholas Dupuis sono i primi ospiti annunciati della manifestazione. Festa grande ad Antananarivo e dintorni per un risultato davvero insperato, soprattutto considerando che mai prima d’ora il Madagascar era riuscito a qualificarsi per il torneo.

QUALIFICAZIONI – Ci ha messo lo zampino il nuovo formato, che per la prima volta prevede che la Coppa d’Africa si disputi d’estate e che ha allargato il numero delle squadre partecipanti a 24? Sì…e no, perchè comunque al momento attuale, dopo quattro partite su sei, la squadra malgascia ha portato a casa tre vittorie e un pareggio, quello contro il quotatissimo Senegal di Keita Balde, Niang e Koulibaly. Proprio il gigante del Napoli ha, suo malgrado, regalato al Madagascar un punto nel match clou del girone ,che ha permesso agli Scorpioni di puntare con ancora più convinzione ai primi due posti, quelli che garantivano il pass verso il Camerun. Ora restano il ritorno contro i Leoni della Teranga, che probabilmente deciderà quale delle due squadre passerà come prima, e la sfida finale, in casa contro il Sudan, prima di volare verso Yaoundé.

IMPRONUNCIABILI – Tutti contenti, dunque? Sì, tranne i telecronisti. Che per la prima volta in un torneo internazionale si ritroveranno di fronte…l’impronunciabile undici agli ordini di Dupuis. Tra i più presenti della rosa attuale, che quindi con tutta probabilità saranno presenti in Camerun a metà 2019, ci sono i difensori Rakotondrazaka e Razakanantenaina, l’attaccante Nomenjanahary (che gioca in Ligue 2) e i centrocampisti Rakotoharimalala (l’autore del gol qualificazione) e Randriambololona, che già fa impazzire i colleghi in Belgio. L’unica speranza per chi dovrà fare la telecronaca è che a segnare spesso sia il più…comprensibile Voavy. Ma in fondo, poco importa. Per il Madagascar, la vittoria è già esserci. E come si diceva una volta, comunque vada sarà un successo.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy