calcio

Conti e gli altri: quando il rientro è decisivo. E quando invece…

Redazione Il Posticipo

Nel 2006 ad abbracciare la Coppa, tra gli altri, c'è anche Francesco Totti. Lo stesso Totti che per una frattura del perone sarebbe dovuto rimanere fuori cinque mesi, saltando la manifestazione iridata, ma che cento giorni dopo aveva già iniziato a correre. Lippi poi ha deciso di correre il rischio, portando il capitano della Roma in Germania nonostante una condizione lontana da quella migliore. Ma il gioco, evidentemente, è valso la candela, dato che neanche cinque mesi dopo l'infortunio (avvenuto a febbraio) Totti non solo rientrava in campo, ma vinceva il Mondiale iniziando la finale da titolare e con tanto di rigore decisivo contro l'Australia.

Potresti esserti perso