calcio

Conte ha smosso le acque: lettera del Tottenham Hotspur Supporters’ Trust alla dirigenza…

Conte ha smosso le acque: lettera del Tottenham Hotspur Supporters’ Trust alla dirigenza… - immagine 1
Le parole del tecnico italiano non sono certo passate sottotraccia fra i tifosi degli spurs.

Redazione Il Posticipo

Conte, il poker servito al Crystal Palace in uno dei tanti derby di Londra non ha rafforzato la posizione del tecnico italiano. Secondo quanto riportato dal Sun, il Tottenham Hotspur Supporters' Trust ha inviato una lettera al consiglio direttivo del club esprimendo "preoccupazioni autentiche".

INTERROGATIVI

—  

I tifosi si interrogano sul futuro di Conte, ma anche sulle ambizioni del club. Tutto è riassunto in quattro domande inviate al consiglio del club in cerca di risposte da avere in tempi ragionevoli. Il primo quesito è legato alla strategia e alle aspettative. Conte è stato chiaro. Abbassare l'asticella. I tifosi chiedono quale sarà la strategia a medio e lungo termine del club dentro e fuori dal campo. E si interrogano anche su quale siano i criteri valutazione del rapporto fra risultati ed aspettative. Il secondo quesito chiama direttamente in questione Conte. "Come noto, l'allenatore non ha firmato un nuovo contratto e ci dice che dovremmo abbassare le nostre aspettative sui risultati in campo. Ha detto pubblicamente che il club ha bisogno di spendere un sacco di soldi ogni finestra solo per competere. In che modo ciò è in linea con la filosofia del Consiglio per raggiungere il successo?".

PROSPETTIVE

—  

Spazio anche per le prospettive legate al mercato. In questo senso il Tottenham Hotspur Supporters' Trust non è abbastanza diretto. "Si può definire soddisfacente il reclutamento dei giocatori nelle recenti finestre di mercato e delle prestazioni delle squadre giovanili e dello sviluppo e dell'offerta di giocatori più giovani fino alla prima squadra?". E ci si chiede anche quale siano i piani per migliorare questo aspetto. Infine l'ultima domanda, anche la più difficile, che riguarda la competitività.  "Il Club ha un piano per ulteriori investimenti per garantire che il Club rimanga competitivo sul campo a fronte di sostanziali investimenti aggiuntivi da parte di altri club della Premier League? Sono previsti ulteriori investimenti da parte di ENIC o di altri potenziali investitori o acquirenti?". Insomma non si può dire che Conte non abbia smosso le acque, anche abbastanza agitate. Resta da capire cosa ne pensi Levy e la sensazione è che anche in questo caso le risposte non tarderanno ad arrivare.