Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Conceiçao, altra frecciata a Guardiola: “Ultimamente incontriamo parecchi tecnici spagnoli che hanno un modo grossolano di condizionare gli arbitri…”

Pazienza se la conferenza stampa dovrebbe vertere sulla Coppa del Portogallo e sulla sfida del Porto al Tondela: per Sergio Conceiçao, un modo per parlare di Pep...si trova sempre. E l'occasione gliela dà Pako Ayerastan, tecnico basco dei...

Redazione Il Posticipo

Il Manchester City e il Porto non hanno avuto problemi nel loro girone di Champions League, qualificandosi prevedibilmente agli ottavi come prima e seconda del gruppo. Eppure non finiscono le frecciate tra Sergio Conceiçao e Pep Guardiola. Che non se le sono mandate a dire prima delle partite tra le due squadre, hanno continuato sia dopo l'andata che dopo il ritorno e continuano ancora a farsi la guerra, seppur mediatica, ora che come minimo, ottavi permettendo, si potrebbero incrociare di nuovo a marzo inoltrato. Anche stavolta è il portoghese ad attaccare per primo, come ha già fatto parecchie volte negli ultimi tempi. E pazienza se la conferenza stampa dovrebbe vertere sulla Coppa del Portogallo e sulla sfida dei Dragoes al Tondela: un modo per parlare di Pep...si trova sempre.

CRITICHE - E come riporta Record, a dargliela è Pako Ayerastan, tecnico basco della squadra avversaria, che ricordando il match di campionato ha lanciato qualche accusa abbastanza velenosa... " Quello che mi aspetto dalla partita è che ognuno faccia il suo dovere. L'arbitro deve arbitrare, i giocatori devono giocare e gli allenatori allenare. A volte ho avuto l'impressione che nello stadio si sentissero solo le urla della panchina del Porto, sembrava che la partita la stessero arbitrando loro". Questo il parere dell'allenatore del Tondela, che però a Conceiçao non è piaciuto per nulla. Anzi, il portoghese ha avuto parecchio da ridire, non senza notare che ultimamente il suo rapporto con i tecnici spagnoli non è proprio idilliaco...

 (Getty Images)

TECNICI SPAGNOLI - "Questo è un modo molto grossolano di condizionare gli arbitri, che sembra essere molto apprezzato dagli allenatori spagnoli. Prima un catalano, adesso un basco... Negli ultimi tempi ci siamo trovati di fronte dei tecnici spagnoli che hanno questa caratteristica". Ogni riferimento a Guardiola e alle accuse che i due si sono lanciati da qualche mese a questa parte non sembra per nulla casuale. Anche se, considerando che alla fine del match di andata di Champions l'ex laziale ha accusato il catalano di aver offeso il Portogallo e i portoghesi, e che dopo il pareggio al ritorno lo ha punzecchiato perchè con tutti i soldi del City non è riuscito a battere il Porto, una frecciata parecchio allusiva è il minimo che poteva capitare...