Con l’aiuto degli hacker, Maradona trova…il suo assassino

Durante il Mondiale in Russia, qualcuno aveva diffuso degli audio su whatsapp che riportavano la morte del Pibe de Oro. Che è vivo e vegeto e, dopo due mesi e con qualche aiuto, è arrivato a scoprire chi è che aveva deciso…di farlo fuori.

di Redazione Il Posticipo

Ma quale morto e morto, Diego Armando Maradona è vivo e vegeto. E a due mesi dal piccolo “incidente”, la diffusione di tre messaggi audio via whatsapp che riportavano il decesso del Pibe de Oro, ora sa anche chi è che ha…cercato di farlo fuori. Clarin riporta infatti che el Diez, con l’aiuto di un pool di esperti informatici, avrebbe individuato il creatore della fake-news. Qualche giorno dopo l’accaduto, Diego aveva messo una taglia per scoprire l’identità del buontempone, ma non avendo riscontri ha deciso di fare da sè e pare essere riuscito nel suo intento. E ora all’accusato toccherà risarcire i danni a Maradona, che in cambio non rivelerà la sua identità.

MONITO – Matías Morla, l’avvocato del Diez, parla al Clarin di una decisione che servirà da monito, per evitare che casi del genere si ripetano. “Questo caso deve diventare un simbolo per due ragioni. La prima è che farà in modo che il prossimo a cui verrà in mente di fare uno scherzo del genere, saprà che ci sono conseguenze da pagare. E la seconda è che la Giustizia cominci a implementare dei meccanismi che permettano di collaborare immediatamente per sapere chi è o chi sono i responsabili di queste cose“. Segno che l’indagine è stata svolta al di fuori dell’ambito delle forze dell’ordine e che gli esperti informatici…potrebbero aver operato in aree grigie.

SCHERZO DI CATTIVO GUSTO – Dunque, l’anonimo diffusore di fake-news ha chiesto scusa a Diego e con un accordo si è impegnato a pagare i danni morali per questo scherzo di cattivo gusto. Che, secondo Morla, ha colpito molto il Diez e tutta la sua cerchia di familiari e amici. “Per noi che siamo vicini a Diego e che gli vogliamo bene è stato un momento molto duro. E per questo motivo l’idea è quella di devolvere il denaro che Maradona riceverà a qualcuna delle tante cause a cui Diego si dedica da sempre in maniera anonima. È un modo di riparare a un momento così doloroso e trasformarlo in qualcosa di bello“. Occhio dunque: mai dare per morto Maradona, in tutti i sensi. Alla fine, la storia del calcio insegna, El Pibe de Oro vince quasi sempre .

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy