Clasico, a Oporto si esagera: impiccati manichini con la maglia del Benfica e dell’arbitro

Clasico, a Oporto si esagera: impiccati manichini con la maglia del Benfica e dell’arbitro

Ore tesissime in vista della sfida fra Porto e Benfica. Qualcuno ha impiccato dei manichini nella via che porta allo stadio Dragao.

di Redazione Il Posticipo

Ore tesissime in vista della sfida fra Porto e Benfica. Il clasico portoghese mette in palio una fetta importantissima di campionato. E i tifosi di casa si rendono protagonisti di un gesto piuttosto discutibile. Come riportato dal servizio fotografico del sito del quotidiano sportivo portoghese “A Bola”, sulla strada che porta allo stadio vi è una immagine che ha poco o nulla a che fare con la rivalità sportiva. Due manichini impiccati che penzolano dal viadotto che portano allo Estádio do Dragão.

IMPICCATI – La sfida, storicamente, è sempre stata molto sentita, ma a Oporto in questo caso, sono andati un po’ oltre il limite del consentito dal buongusto. Il primo manichino è impiccato con la maglia del Benfica. L’altro penzola con quella dell’arbitro. Evidentemente i sostenitori di casa hanno scelto il modo peggiore per caricare di significato una sfida e far sentire tutta la pressione possibile agli avversati e al direttore di gara in una partita in cui i padroni di casa non hanno molte alternative alla vittoria per mantenere in piedi la speranza di restare in lotta per un titolo che sembra già assegnato.

CLASSIFICA – La classifica, del resto, parla chiaro: il Porto si presenta al clasico in condizioni non esattamente ideali. Né con i favori del pronostico. Al netto del cattivo gusto, la speranza  di riaprire il campionato è davvero esigua. Dopo venti giornate di campionato i padroni di casa sono secondi in classifica a sette punti di distanza dal Benfica che ha disposizione il match point per chiudere virtualmente il campionato. Anche se l’ambiente che troverà non promette di essere ospitale. Anzi, considerate le premesse, il match si preannuncia più caldo del solito.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy