City, dopo la UEFA si muove la Premier: rischio penalizzazione, retrocessione in League Two e c’è chi tuona “revocategli i titoli!”

City, dopo la UEFA si muove la Premier: rischio penalizzazione, retrocessione in League Two e c’è chi tuona “revocategli i titoli!”

Se i tifosi del Manchester City pensavano che la notizia della squalifica per due anni dalle coppe europee fosse il peggio che poteva capitare, beh, hanno decisamente capito male. Dopo la UEFA, infatti, continua a muoversi anche la Premier League e le conseguenze possono essere diverse e molto pesanti…

di Redazione Il Posticipo

È decisamente il caso di dire che le sciagure non vengono mai da sole. E se i tifosi del Manchester City pensavano che la notizia della squalifica per due anni dalle coppe europee fosse il peggio che poteva capitare, beh, hanno decisamente capito male. Dopo la UEFA, infatti, continua a muoversi anche la Premier League, che già da un po’ aveva deciso di indagare sui conti del club di casa Mansour e che secondo il Mirror, dopo il giudizio della federazione continentale, intensificherà ancora di più la sua inchiesta. Non è chiaro a cosa potrebbe portare l’intervento sul fronte domestico, ma ci sono possibilità che non piaceranno di certo ai Citizens.

CONSEGUENZE – Il Mirror suggerisce una penalizzazione in classifica, che in una Premier League complicata per gli uomini di Guardiola rischia di riscrivere totalmente la classifica, se dovesse essere nell’ordine della decina di punti. Ci va parecchio più pesante il Daily Star, che paventa addirittura una retrocessione d’ufficio in League Two, costringendo il club dell’Etihad a ricominciare la scalata alle divisioni maggiore. Una sorte assai peggiore di quella vissuta sul campo un ventennio fa, quando i Citizens si erano ritrovati nell’allora terza divisione dopo alcune stagioni in cui tutto quello che poteva andare storto era andato decisamente nella maniera più drammatica.

GIUDIZI – Nel frattempo non mancano i giudizi, sia sulla decisione della UEFA che sulle possibili scelte della Premier League. Qualcuno sostiene che in fondo il Fair Play Finanziario sia solamente un sistema ideato dall’élite delle big continentali (Real, Barcellona, Bayern) per evitare la nascita di nuovi colossi come City o PSG, non a caso le due squadre più sotto la lente di ingrandimento. Ma c’è anche chi, sulle colonne del Daily Mail, chiede una rettifica degli albi d’oro nazionali. Da quando è di proprietà degli Emirati Arabi, il club ha vinto quattro Premier League, due FA Cup, quattro Coppe di Lega e tre Community Shield. E la richiesta è di “mettere degli asterischi accanto a quei titoli, se sono stati vinti violando le regole”. Se non di revocarli direttamente. E per il City è sempre più notte fonda.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy