Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Cinque sostituzioni, la Premier ci riprova…

I club hanno ancora in programma una terza votazione sull'eventualità per consentire la riformulazione della regola.

Redazione Il Posticipo

Cinque sostituzioni, la Premier ci riprova. Secondo quanto riportato dal The Guardian i club hanno in programma una terza votazione per  la riformulazione della regola. Specialmente dopo le pressanti e crescenti richieste provenienti da manager e calciatori. Gli ultimi a esprimersi in questo senso sono stati Guardiola e Klopp. Le due voci più autorevoli della Premier, insieme a quella di Soslkjaer. L'obiettivo comune è allineare la Premier League alle competizioni Uefa e agli altri campionati europei.

MOZIONE - La proposta per consentire cinque sostituzioni su un totale di nove giocatori in panchina, adottata durante il "Project Restart" durante l'estate, è stata inizialmente respinta in agosto. Il quotidiano ritiene che la maggior parte del sostegno dei cinque cambi provenga dalle big, ma per approvare una mozione sono necessari i voti di almeno 14 club. Tuttavia anche l'Associazione Calciatori Professionisti ha scritto alla Premier League per chiedere ai club di riconsiderare salute, benessere e prestazioni dei calciatori.

FIFPRO - Sulla questione è intervenuto anche Vincent Gouttebarge, responsabile medico  Fifpro. “La scelta della Premier è singolare. I cinque cambi sono consentiti in tutti gli altri grandi campionati in Europa e nelle competizioni internazionali. E fa parte delle nostre raccomandazioni per far riposare i giocatori e gestire meglio il carico di lavoro.  Sono sicuro che le persone siano felici di vedere le partite europee dal martedì al giovedì e quelle nazionali dal venerdì al lunedì, ma siamo su questo ciclo dall'inizio di settembre e senza interruzioni infrasettimanali. È tutta una questione di carico cumulativo: ogni giocatore può giocare tre partite in otto giorni, ma è molto difficile quando lo fa senza fermarsi mai, aggiungendo così allo sforzo fisico quello mentale".

 

Potresti esserti perso