calcio

Chiamatelo…TalismAlisson: da quando c’è lui, in Premier il Liverpool non perde più

È festa grande nella contea del Merseyside: vittoria contro il Bournemouth, tripletta di Salah, cinquecentesima presenza di Milner e sedicesima partita senza sconfitte. E il portiere batte...Mascherano.

Redazione Il Posticipo

Il Liverpool non si ferma più. Merito di Jürgen Klopp che trova sempre la chiave di volta, merito di Salah che fa più fatica a non segnare che a fare più d’un gol, merito della costanza dei giocatori come Milner, arrivato alla sua 500° presenza da professionista. Merito di tutti e anche della Kop che segue i Reds sempre e ovunque. Ah, sì, giusto per dire: anche merito di Alisson Becker che trova il suo decimo clean sheet della stagione e regala al Liverpool la sedicesima uscita di campionato senza sconfitte eguagliando… Mascherano.

PRECEDENTI - Che c’entra Javier Mascherano? Beh, nella stagione 2006/07, l’argentino è arrivato durante il mercato invernale e il suo acquisto ha garantito ben quindici uscite senza risultati negativi. In quell’occasione la striscia positiva iniziava quindi a metà della stagione e si interrompeva nella stagione successiva con un 3-1 incassato dal Reading. Non che alla fine i Reds abbiano ottenuto chissà che grazie ai risultati, anche se alla fine, dopo un inizio di campionato disastroso è almeno arrivato il terzo posto, oltre che una finale di Champions persa contro il Milan.

DATI AL GUANTONE - Gli straordinari numeri di Alisson, invece, cominciano da inizio stagione. Aveva ancora...la maglia della Roma addosso quando ha cominciato a fare miracoli tra i pali di Anfield. Dall’inizio della stagione ha dato ai compagni la necessaria certezza del dopo Karius e insieme sono riusciti a collezionare tredici vittorie e tre pareggi. Nessuna sconfitta ma non solo: per ben dieci uscite, il portiere della nazionale brasiliana è riuscito a tenere la porta inviolata. Se, però si vuole riportare una statistica piuttosto buffa di Alisson è che in questa stagione ha subito più gol nelle cinque partite di Champions League (7) che non nelle sedici partite di Premier (5).