Chelsea, rotti gli indugi: arriva Oblak?

Courtois sarebbe considerato ormai out dal Chelsea e da quanto trapela dalla Spagna, il Chelsea ha già scelto il successore. Tutto ruota intorno a Madrid…

di Redazione Il Posticipo

Addio Courtois? La quasi certa partenza di Courtois dal Chelsea rischia di innescare un effetto domino sul mercato dei portieri: la situazione è nota. Il belga vuole lasciare Londra e ha la forza contrattuale dalla sua, con una firma in scadenza nel 2019 e nessun rinnovo all’orizzonte. Dunque c’è poco da discutere. Piuttosto, è tempo di agire.

SOSTITUTO – Il Chelsea è ormai consapevole di averlo perso e si starebbe adoperando alla ricerca di un sostituto, individuato, come sostiene il Mundo Deportivo, in Oblak. Scelta che sarebbe indiscutibile da un punto di vista tecnico e di esperienza. L’estremo difensore dei Colchoneros, che per il terzo anno consecutivo ha vinto il Trofeo Zamora come miglior portiere della Liga è però un pezzo pregiatissimo e costoso.

FINANZIAMENTO – La situazione di Oblak è molto chiara. Contratto in scadenza nel 2021 e clausola rescissoria fissata a 100 milioni. Chi arriva e li bonifica all’Atletico, se lo porta via. Clausola Ciò significa che il Chelsea dovrà accontentarlo e soprattutto accontentarsi di venderlo a un prezzo che gli permetta di finanziare, almeno in parte l’acquisto di un nuovo portiere. Il tutto in appena 72 ore, quante ne mancano al mercato in entrata della Premier, a meno che Sarri non voglia provare il rischio di giocare la prima con Caballero… quanto basta insomma per rompere gli indugi.

DOMINO – E l’Atletico resterà a guardare? Di certo se il Chelsea arriva “con la valigetta” può far poco, ma comunque avrebbe in cassa un’ottima somma da reinvestire nel mercato. In Inghilterra è chiuso in entrata, ma non certo in uscita. E comunque vi sono anche altri canali come Francia e Italia. Intanto Oblak, in questa inizio di stagione, ha giocato solo 45’ per problemi non meglio identificabili…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy