Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Chelsea, dopo Fofana i blues a caccia di un altro colpaccio last minute: Neymar

Chelsea, dopo Fofana i blues a caccia di un altro colpaccio last minute: Neymar - immagine 1
Il mercato deve ancora chiudersi, ma il Chelsea non ha ancora deciso di fermarsi. Il vero ostacolo all'operazione è nei tempi.

Redazione Il Posticipo

Il mercato deve ancora chiudersi, ma il Chelsea non ha ancora deciso di fermarsi. Piazzato il colpo Fofana si pensa già al prossimo. Ed è un nome enorme: Neymar. Una scelta dettata dal pessimo avvio di stagione dei blues che sono usciti sconfitti due volte nelle prime partite di campionato collezionando appena due vittorie e un pareggio. L'ottavo posto non soddisfa affatto la nuova società che non vuole lasciare alcunché di intentato nella rincorsa, già in salita, agli obiettivi fissati ad inizio stagione.

CONTATTO

Chelsea e PSG, secondo quanto riportato dal Daily Mail, sono entrate in contatto nelle ultimissime ore. Il grande avvio del brasiliano ha spinto i blues a cercarlo per risolvere il problema della sterilità offensiva delle ultime settimane. Il club della capitale francese non disdegna a priori l'idea. Neymar non è più al centro del progetto tecnico del PSG per l'immediato futuro e anche il club Campione di Francia deve fare i conti... con i conti per sfuggire alle possibili ripercussioni legate ai nuovi parametri del Fair Play Finanziario. Il Paris ha speso più di 100 milioni di sterline per Vitinha, Nuno Mendes, Fabian Ruiz, Renato Sanches e Nordi Mukiele quest'estate e ha anche rinnovato a Kylian Mbappé. Abbastanza per privarsi del brasiliano che comunque ha un "peso" specifico notevole anche dal punto di vista economico.

Chelsea, dopo Fofana i blues a caccia di un altro colpaccio last minute: Neymar- immagine 2

TEMPI

Il vero ostacolo all'operazione è nei tempi. Neymar è in ritiro con la squadra, in attesa di scendere in campo  affrontare il Tolosa. vorrebbe restare a Parigi almeno per un anno. Vuole dimostrare di non essere il responsabile dei fallimenti europei della squadra e mettere a tacere le voci legate alla sua scarsa professionalità. Non a caso si è presentato in perfetta forma. E i risultati non sono mancati: sei gol e altrettanti assist nelle prime sei giornate di campionato. Uno score e una continuità di rendimento che non si erano mai visti dal suo acquisto.