Champions, cambia il sorteggio: dai quarti tabellone prestabilito, come nell’anno del Triplete nerazzurro

Champions, cambia il sorteggio: dai quarti tabellone prestabilito, come nell’anno del Triplete nerazzurro

La strada per Madrid verrà tracciata già il 15 marzo a Nyon, quando le otto sopravvissute al primo turno a eliminazione sapranno contro chi si giocheranno l’approdo in semifinale. E avranno anche un’idea, seppure relativa, di chi potrebbero incrociare nella partita successiva…

di Redazione Il Posticipo

La Champions League è una competizione piena di fascino. E tutto quello che è legato alla coppa con le grandi orecchie è ovviamente al centro dell’interesse dei tifosi. La parte più interessante sono ovviamente le partite, ma anche il sorteggio è un momento cult. Tutti, dai club i cui nomi sono nelle palline ai semplici curiosi, si fermano per vedere cosa riserverà la sorte a chi si gioca la Champions. E quando la lotta si fa dura e le partite sono a eliminazione diretta, gli accoppiamenti diventano fondamentali. Stavolta, però, si cambia qualcosa: il sorteggio dei quarti di finale deciderà tutto il futuro di questa edizione.

TABELLONE – La strada per Madrid verrà infatti tracciata già il 15 marzo a Nyon, quando le otto sopravvissute al primo turno a eliminazione sapranno contro chi si giocheranno l’approdo in semifinale. E avranno anche un’idea, seppure relativa, di chi potrebbero incrociare nella partita successiva, se dovessero passare dopo il doppio match nei quarti. Il tabellone sarà infatti definito direttamente, decidendo anche con chi dovranno giocare in semifinale le vincenti e rendendo anche chiaro chi non potrà incontrarsi in Champions, se non nell’atto conclusivo. Come ogni anno, il sorteggio dei quarti sarà senza teste di serie e con la possibilità per squadre della stessa nazione di scontrarsi.

PRECEDENTI – Torna dunque il sistema…tennistico, con un tabellone già deciso, senza la necessità di un ulteriore sorteggio per stabilire le semifinali. Anche se, prima del match di Madrid, ci sarà comunque bisogno di decidere chi ufficialmente giocherà in casa la finalissima. L’ultima volta che si è utilizzato questo metodo risale alla stagione 2010/11, quella in cui il Barcellona ha vinto la Champions contro lo United a Londra. Ma agli interisti questa decisione ricorderà una stagione molto felice, quella del Triplete. In quell’occasione, dopo aver eliminato il Chelsea, i nerazzurri hanno visto di fronte a loro una strada abbastanza complicata. Ai quarti il CSKA, con la consapevolezza di incontrare una tra Arsenal e Barcellona in semifinale. Alla fine è toccato ai blaugrana, ma in fondo, come conferma l’albo d’oro…non è poi andata così male!

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy