Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Cessione del Newcastle, il presidente Ashley…ci ha già guadagnato: anche se salta tutto, riceverà 17 milioni di sterline

Il Newcastle United è a un passo da un cambiamento storico. Il club bianconero sta per essere acquistato da un consorzio saudita, per un affare da trecento milioni di sterline. E Mike Ashley, il contestatissimo proprietario, comunque vada sarà...

Redazione Il Posticipo

Il Newcastle United è a un passo da un cambiamento storico. Il club bianconero sta per essere acquistato da un consorzio saudita, per un affare da trecento milioni di sterline. L'acquisto da parte del fondo di investimenti dell'Arabia Saudita spedirebbe di colpo le Magpies tra i club più ricchi del mondo, con dietro un gigante al pari di quelli che controllano Manchester City e Paris Saint-Germain, se non addirittura superiore. Non c'è però ancora nulla di ufficiale, perchè la Premier League prevede che i cambi di proprietà vengano approvati da una riunione interna. Ma in ogni caso, qualcuno ci ha già sicuramente guadagnato.

CAPARRA - Mike Ashley, il contestatissimo proprietario del Newcastle, comunque vada sarà più ricco. E se per qualche motivo non dovesse incassare i 300 milioni di sterline pattuiti, potrebbe comunque consolarsi ricevendone 17 milioni. Il consorzio saudita ha infatti versato una caparra, pari al 5% del prezzo originale di vendita, fissato a 340 milioni prima che la crisi del coronavirus facesse inevitabilmente scendere il valore del club. Caparra che però non è rimborsabile e che quindi rimarrà nelle tasche di Ashley, qualsiasi cosa succeda. Se la Premier League dovesse dare parere negativo alla cessione o se il consorzio dovesse tirarsi indietro, l'attuale numero uno di St James' Park si terrà comunque la cifra pattuita.

CESSIONE - Se invece tutto dovesse filare liscio, anche i nuovi proprietari farebbero finalmente un passo avanti, parlando apertamente del cambio di leadership. Il DailyMirror spiega infatti che è abitudine degli acquirenti quella di non rilasciare dichiarazioni finchè tutto non sarà messo nero su bianco. Un po' come oltre dieci anni fa fece il fondo di investimenti degli Emirati Arabi Uniti che ha preso il comando del Manchester City, trasformandolo in una potenza globale a livello calcistico. Anche in questo caso, gli acquirenti pagheranno cash Ashley, che con parte del ricavato della cessione coprirà i debiti del club e si godrà il resto. Se poi dovesse saltare tutto...beh, il presidente si terrà la società...e i soldi. E alla fine, ha vinto comunque lui.