Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

C’era una volta la Samp: la squadra di Vialli e di Mancini diventa una favola per bambini

C’era una volta la Samp: la squadra di Vialli e di Mancini diventa una favola per bambini - immagine 1
Quando ci si godono le immagini dei blucerchiati che si prendono il mondo, ci sta di pensare a un calcio più bello, più innocente. Ed ecco perchè è quasi logico che quella Sampdoria diventi l'argomento di una favola vera e propria.

Redazione Il Posticipo

Quando si parla della Sampdoria tra la fine degli anni Ottanta e l'inizio degli anni Novanta si utilizza spesso il termine "favola". Il che è anche un po' sbagliato, perchè quella squadra in grado di issarsi al vertice del calcio italiano e di sfiorare il trionfo europeo era nata attraverso tanto lavoro e perfetta programmazione. Ma in fondo, quando ci si godono le immagini dei blucerchiati che si prendono il mondo, ci sta di pensare a un calcio più bello, più innocente. Ed ecco perchè è quasi logico che quella Sampdoria diventi l'argomento di una favola vera e propria.

La favola di quella Sampdoria

—  

Blucerchiando, network di riferimento del tifo blucerchiato che nei mesi scorsi aveva già pubblicato la biografia di Francesco Flachi "Una vita rovesciata", ha infatti pubblicato "C'era una volta la Samp", un libro dedicato ai bambini...di ogni età, quelli di oggi che non conoscono questa storia ma anche a chi è un po' cresciuto e la conosce benissimo. Si tratta di un racconto illustrato che ha come protagonisti due piccoli amici, Luca e Roberto. Assieme sono forti, fortissimi, ma per far sì che si possano battere i bambini più grandi c'è bisogno che arrivino assieme a loro altre figure. Chi? Ma ovviamente il signor Paolo e Nonno Vuja, più gli altri piccoli compagni che li aiuteranno finalmente a trionfare. E ogni riferimento a Vialli, Mancini, Mantovani e Boskov non è per nulla casuale...

C’era una volta la Samp: la squadra di Vialli e di Mancini diventa una favola per bambini- immagine 2

Le parole dell'illustratrice

—  

Insomma, un qualcosa che potrà affascinare i più piccoli e i più grandi, considerando che, come spiega il comunicato stampa di Blucerchiando, è stato illustrato da chi, come Chiara Giolito, quando Luca e Roberto giocavano davvero era solo una bambina. “Ero allo stadio quando la Sampdoria ha vinto lo Scudetto. Nel 1991 ero piccola, ma l’emozione di mio padre mi ha trasmesso la felicità per una favola sportiva unica. Volevamo farla rivivere anche a chi non ha avuto la fortuna di essere lì quel giorno e di vedere una Sampdoria così forte. È stato divertentissimo rendere giocosa la storia di quella stagione, abbiamo voluto regalare anche a tutti i bambini di oggi la possibilità di vivere quel sogno. È un libro pensato per i bimbi ma anche per i genitori che, leggendo la fiaba ai loro piccoli, potranno rivivere quell’impresa magica, una favola che hanno vissuto davvero e che merita di essere raccontata per sempre”. Anche e soprattutto ora che molti di quei protagonisti se ne sono purtroppo andati...