Centurion, confessione shock: “La notte non ho sonno, voglio uscire e andare a bere”

Centurion, confessione shock: “La notte non ho sonno, voglio uscire e andare a bere”

Ricardo Centurion è uno dei migliori talenti prodotti dal calcio argentino negli ultimi anni ma la sua carriera non decolla per via di qualche intemperanza caratteriale. E per qualche vizio di troppo…

di Riccardo Stefani

Calciatori con un potenziale enorme inespresso o espresso solo parzialmente? Ne è pieno il mondo. In Italia, ad esempio, si è parlato più volte in merito di Antonio Cassano per il suo carattere; in Inghilterra si rimpiange la brevissima carriera di George Best e la discontinuità di Gascoigne. Chi per un motivo, chi per un altro, ha finito per rovinarsi la carriera con le proprie mani e questo è un gran peccato. Il segreto per vedere un giocatore realizzato del tutto? La vita da professionista, meno stravizi possibili e la vida loca prossima allo zero. Ma non lo si dica all’ex Genoa Ricardo Centurion. Il campione inespresso risponde alla provocazione di Oscar Ruggeri.

PRESA IN GIRO – Ricardo Centurion è stato messo di nuovo fuori squadra ma stavolta la questione è diversa. Non è una squadra qualsiasi a chiudergli la porta ma è il suo Racing Club. La sua vita non esattamente da professionista, coadiuvata dal suo carattere fumantino, lo porta a mettere in atto dei comportamenti poco rispettosi nei confronti di allenatore e squadra. L’ultima? Beh, avrebbe dovuto entrare in campo al 67′ della partita contro il River Plate ma, prima di togliere il fratino, Centurion spintona il tecnico Coudet dicendogli “mi stai facendo entrare per farmi prendere in giro da tutto lo stadio“. Coudet, Milito e il presidente, di comune accordo, decidono di sbatterlo fuori squadra. Comprensibile. Il giocatore è stato ‘sgridato’ in diretta Tv, su Fox Sport Argentina dal campione del mondo Oscar Ruggeri che lo ammoniva: “A fine carriera te ne pentirai!“.

NIENTE SONNO – L’attaccante, senza scomporsi troppo, replica alla leggenda dell’Albiceleste: “Voglio essere onesto, di notte non ho sonno quindi esco e vado a bere qualcosa. Tutti i giorni. E quando andrò in pensione, a trentasei anni non avrò rimpianti. Me ne pentirò? Me lo dicono anche mia madre e mia nonna. Se i miei amici mi dicono di andare a dormire io rispondo che uscirò anche senza di loro“. Certo, avere difficoltà nel prendere sonno è qualcosa di molto fastidioso, ma un talento come quello di Centurion non può rischiare di compromettersi in questa maniera. In ogni caso, il ventiseienne decide di chiudere l’intervista in maniera altrettanto particolare: “Il presidente del Real ci sta ascoltando? Non andrò mai al Real Madrid“. A differenza sua, Perez può…dormire tranquillo.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy