Cech, un weekend intenso: levati i guanti, impugna la bandierina…

Cech, un weekend intenso: levati i guanti, impugna la bandierina…

Un weekend molto impgnativo per Cech, che passa dai panni del calciatore a quelli dell’assistente nell’arco di 24 ore…

di Redazione Il Posticipo

Weekend multitasking per Peter Cech. Portiere di calcio il sabato impegnato a salvare la porta dell’Arsenal dagli attacchi del Newcastle. Arbitro più o meno arrangiato in campo alla domenica per permettere il regolare svolgimento della partita di calcio femminile. Una scissione dettata dalla necessità. Del resto specialmente nelle serie minori, può capitare che serva un assistente, specialmente in extremis.

GUARDALINEE – E cosi Peter Cech, senza ovviamente indossare la tuta d’ordinanza, si è ritrovato catapultato da dietro la ringhiera al bordo del campo per coadiuvare il direttore di gara di una partita di calcio femminile. Il portiere, come si può apprezzare dalle immagini indossa abiti rigorosamente “civili” che testimoniano l’assoluta e quasi irripetibile casualità della situazione. Il portiere ha ben pensato di immortalare il momento su Instagram, con un hashtag che è tutto un programma #sundayleague.

SVAGO– Un momento di svago per un calciatore che non sta attraversando il miglior momento della carriera. Il gioco di Emery non è esattamente il massimo per il portiere dei Gunners, spesso costretto agli straordinari. Straordinari a cui evidentemente si sta abituando considerando che anche nelle occasioni di svago gli tocca scendere in campo… di certo la pressione non è simile, ma di certo a Cech non manca il senso di responsabilità. Sceglie sempre un ruolo dove ogni errore è fatale. Sbagliare una presa o male interpretare un fuorigioco, rappresenta un altissimo rischio. Evidentemente, però, Cech ci sa convivere. Fra l’altro sembra avere anche una certa confidenza con il ruolo considerando la personalità che traspare dalle immagini. Che si stia costruendo un futuro fuori dai pali?

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy