Cech, convocato d’urgenza… causa covid

Il Chelsea si vuole cautelare. Urge una mano. Ne arrivano due da un vecchio amico.

di Redazione Il Posticipo

Petr Cech potrebbe tornare a indossare i guantoni.. ad interim. Come riportato da goal.com il portiere è stato inserito nella lista d’emergenza fra i portieri del Chelsea per le sfide di Premier.

AIUTO – Il portiere si era ritirato un anno fa, dedicandosi a difendere una porta più piccola: aveva iniziato una carriera da hockeista difendendo i pali dei Guildford Phoenix, ma non senza mai interrompere i rapporti con il club londinese. Era rimasto nel ruolo di consulente tecnico. E, allo status quo, è stato anche inserito nella lista di “emergency goalkeeper” dai blues. Una decisione dettata dalle difficoltà legate alla pandemia. I portieri del Chelsea, al netto degli errori, godono di ottima salute, ma evidentemente nella city hanno deciso di premunirsi: “Petr Cech è stato incluso nella rosa come copertura del portiere di emergenza. Questo è un passo precauzionale a causa delle condizioni senza precedenti attualmente causate dalla crisi del Covid-19. Assume una posizione come giocatore senza contratto”.

AMICO – Il calciatore non farà parte della rosa del Chelsea a livello effettivo dunque. Semplicemente il club ha chiesto una mano e ne ha avute due da un vecchio amico che conosce bene sia la premier che l’ambiente avendo totalizzato qualcosa come 494 partite difendendo i pali della squadra di Lamparda. Il portiere, fra l’altro, era tornato ad allenarsi da qualche tempo. Pronto a tornare in campo, dunque, qualora ce ne fosse bisogno. Anche se i più maliziosi possono pensare che Cech potrebbe presto ritrovare comunque il posto da titolare specialmente se Kepa, ribattezzato non a caso Keparius, continuasse a inanellare prestazioni che avranno lasciato di… ghiaccio anche l’ex portiere dei blues. I tifosi, interrogati dallo stesso sito, hanno pochi dubbi. Nell’87% dei casi, preferiscono il ceco.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy