Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

C’è post per te – Rebic segna sempre e fa sognare i milanisti: “È il nuovo Nocerino!” e molti criticano Giampaolo: “Non lo faceva giocare, dovrebbero ritirargli il patentino”

(Photo by Marco Luzzani/Getty Images)

Il Milan batte il Torino trascinato da Ante Rebic: il croato ha segnato il gol dell'1-0 sufficiente per battere il Torino di Moreno Longo. I tifosi rossoneri applaudono l'ex attaccante dell'Eintracht Francoforte e mandato un'altra frecciata a...

Redazione Il Posticipo

Un successo di misura, una vittoria che potrebbe essere decisiva per la corsa all'Europa. Il Milan di Stefano Pioli rialza la testa dopo il derby perso contro l'Inter (4-2) e si aggiudica la sfida conto il Torino di Moreno Longo (1-0). Decisiva la rete realizzata da Ante Rebic a segno per la quinta volta in questo campionato: curiosamente i gol del croato sono arrivati soltanto nel 2020 al fianco di Zlatan Ibrahimovic. Ai tifosi questo dettaglio non è sfuggito...

APPLAUSI PER REBIC - Il Milan vince e vola a quota 35 punti in 24 partite, cioè in piena zona Europa League. I tifosi rossoneri festeggiano e ringraziano Rebic, autore di tre gol in una settimana contro Torino e Inter in Serie A e contro la Juventus in Coppa Italia. Pochi si aspettavano che il croato sarebbe cresciuto così tanto in pochi mesi.

Secondo qualcuno l'ex Eintracht Francoforte è il giocatore al Milan mancava davvero da tantissimo tempo.

Dopo molti mesi duri sono arrivati i complimenti nei confronti della dirigenza per aver pescato bene nelle ultime sessioni di mercato, a cominciare ovviamente da Rebic.

Secondo alcuni tifosi Rebic è uno dei due giocatori più importanti di questo Milan che ha scalato la classifica dopo un inizio di stagione davvero molto difficile.

Rebic sta vivendo un momento strepitoso al fianco di Ibrahimovic, che in passato ha dato una mano anche ad Antonio Nocerino ad esprimersi. I tifosi hanno azzardato un paragone decisamente impegnativo.

I tifosi sono rammaricati per la condizione del croato e dello svedese che partono a mille poi però durano poco...

Col passare dei minuti qualcuno ha invocato il cambio del croato che è arrivato solo nel finale di partita.

Parlare bene di Rebic comunque è stato anche un modo per criticare ancora una volta Marco Giampaolo, durato sulla panchina del Milan per pochi mesi: in quel periodo non si sono viste le vittorie e non si è visto nemmeno Rebic.