C’è Post per te – Eriksen, da Bidone a Odino il passo è breve…

È il 78’ di Inter Sampdoria. Il ragazzo con la numero 24 che lascia il campo. Christian Eriksen lascia il posto a Borja Valero dopo una prestazione che ha mandato i tifosi dell’Inter in visibilio.

di Redazione Il Posticipo

È il 78’ di Inter Sampdoria. Il pubblico virtuale della sfida del Meazza si alza dal divano di casa ad applaudire la prestazione di quel ragazzo con la numero 24 che lascia il campo. Christian Eriksen lascia il posto a Borja Valero dopo una prestazione che ha rincuorato i tifosi. Qualità, quantità e idee messe in campo al servizio dei compagni con personalità. Quanto basta per… fare pace con i tifosi.  “La sua tecnica non è stata mai messa in discussione La cosa più importante è vederlo pimpante. Vivo. A recuper palloni a centrocampo. Come a Napoli. Solo così può essere un valore aggiunto. Da quello che si vede, ora è più nel gioco”.

CLASSE  – Il danese ha effettivamente regalato momenti di calcio sublime a compagni e avversari. L’azione del gol di Lukaku, ad esempio è stata corale ma il suo assist rientra in quel range di imprese complesse che i calciatori bravi come lui sanno far sembrare tanto semplici. “Intanto, Eriksen sta facendo un macello. Audero, prendi lo sgabello e mettiti comodo”.

ADATTAMENTO – Certo, l’ex fantasista di Ajax e Tottenham Ci ha messo un po’ di tempo per entrare negli schemi di Conte. Tuttavia, è la storia a dirlo, raramente, anche i fuoriclasse, si sono adattati a un nuovo calcio da subito.

DA BIDONE A ODINO – Bidone. Pagato troppo, dicevano. Difficile da credere: un giocatore di quel calibro, anche rendesse poco in quanto non si adattasse al campionato, lo si paga anche molto ma molto di più. E così, finalmente, sboccia l’amore tra i tifosi dell’Inter e il fuoriclasse danese. E dietro a due punte come Lukaku e Lautaro sembra essere il giocatore perfetto. Ora, quindi, è divino, è nordico: è Odino.

IL CARRO – Qualcuno si infastidisce: sono quelli che hanno sempre creduto in lui portando pazienza e sapendo che c’è bisogno di tempo per adattarsi a un nuovo campionato. Ora, sul carro di Eriksen,  vogliono starci larghi…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy