C’è da spostare una macchina: Inghilterra, portiere ferma la partita per evitare la rimozione

In Inghilterra l’amichevole tra il Crystal Palace e una squadra delle serie inferiori, il Dulwich Hamlet FC, verrà ricordata non per il risultato ma per… l’auto del portiere che ha rischiato di finire sul carro attrezzi.

di Redazione Il Posticipo

Chissà che emozione! Il Dulwich Hamlet FC, squadra inglese delle serie inferiori, ha ospitato il Crystal Palace per un’amichevole. Sarà stata sicuramente una giornata indimenticabile per i giocatori di casa: abituati al primo gradino del calcio semi-professionistico nazionale saranno stati sopraffatti dalla felicità di confrontarsi contro una squadra di Premier League. Un giocatore, più di tutti gli altri, ricorderà questo giorno e non solo per aver sfidato dei campioni ma anche per un altro motivo.

LA PRASSI – Capita spesso negli stadi inglesi di sentire degli annunci che invitano qualcuno del pubblico a recarsi fuori dallo stadio a spostare un’automobile parcheggiata male. In genere il soggetto si alza, sale le scale e fa ciò che gli è stato chiesto. L’annuncio si ripete tre volte in genere ma la terza ripetizione si fa minacciosa e annuncia l’imminente arrivo del carro attrezzi per la rimozione coatta dell’auto. Nella fattispecie, in questa partita, ai primi due annunci, nessuno tra il pubblico si alzava per andare a rimuovere l’auto parcheggiata malamente.

IL GENIO – Soltanto dopo il terzo annuncio si è scoperto che l’auto ‘incriminata’ apparteneva al portiere del Dulwich Hamlet. La vita è dura quando sei un semi-professionista e non arrivi allo stadio in pullman: soprattutto se poi lo stadio non è abituato ad un’affluenza del genere ed il parcheggio è pieno. Forse, a giudicare dal risultato, sarebbe stato saggio parcheggiare davanti alla porta, magari il passivo sarebbe stato un po’ meno ingeneroso del 5-0 finale a favore della squadra di Premier.

I MOTIVI – Preston Edward, il portiere, ha rilasciato un’intervista a SportBible, nella quale ha spiegato che era in ritardo e ha parcheggiato nel primo spazio vuoto trovato. Poi ha sapientemente ignorato i primi due annunci dell’altoparlante e soltanto ‘sotto minaccia’ di rimozione coatta ha fatto segno a uno steward di avvertire lo speaker che l’auto in questione fosse la sua. E la partita si è interrotta per qualche secondo, mentre si cercava di risolvere il problema. “Non sapevo cosa fosse successo fino alla fine del primo tempo. Fortunatamente qualcuno aveva spostato la mia auto”. Anche perchè dopo un 5-0, anche la multa e la rimozione proprio no!

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy