Caso Turchia, in Belgio gridano allo scandalo: saluto militare da una squadra di bambini

Caso Turchia, in Belgio gridano allo scandalo: saluto militare da una squadra di bambini

Il Turkse FC, squadra di Beringen fondata da emigrati turchi, finisce nell’occhio del ciclone. Una foto dei piccoli calciatori (di nove anni) delle giovanili all’interno dello spogliatoio che salutano come hanno fatto Demiral e compagni ha creato il caos.

di Redazione Il Posticipo

Il caso dei calciatori turchi e del saluto militare durante le partite si allarga a vista d’occhio. E a finire nell’occhio del ciclone non sono solamente i giocatori della nazionale dopo le due esultanze contro Albania e Francia, o campioni celebri come il romanista Ünder. La questione esce fuori dai campi professionistici e si allarga a vista d’occhio. Fino a coinvolgere realtà apparentemente per nulla coinvolte dalla questione, come i campionati giovanili del Limburgo, in Belgio. Da quanto riporta TV Limburg, infatti, ci sarebbero alcune squadre di bambini che hanno giocato nel weekend che si sono esibite nel controverso gesto.

FOTO CON SALUTO – Quella che è finita sotto i riflettori è il Turkse FC, fondata da emigrati turchi. Una foto dei piccoli calciatori (di nove anni) all’interno dello spogliatoio che salutano come hanno fatto Demiral e compagni ha creato il caos. La didascalia con cui è stata condivisa, spiega Redactie24, riporta infatti toni parecchio insoliti per una foto dopo una partita. “Lascia che la vittoria per 5-3 della nostra squadra under-10 sia un dono per i nostri soldati. Siamo un popolo serio. Vogliamo fare molti più regali ai nostri soldati. Mentre siamo nel freddo e nella pioggia vogliamo sacrificare le nostre anime per l’esistenza della nazione turca”.

REAZIONI – Abbastanza per scatenare lo sdegno della comunità locale e delle autorità calcistiche, ma non solo. Il sindaco di Beringen, la città dove ha sede la squadra, ha già in programma un colloquio con la dirigenza del club per chiedere spiegazioni al riguardo. Il ministro dello sport fiammingo Weyts parla di una situazione shockante. E nel fine settimana nelle Fiandre ci sarà una riunione tra la federcalcio locale e gli altri club fondati dalla comunità turca. Anche perchè, spiega Limburg TV, cominciano ad esserci casi simili, come quello dell’FC Anadol, squadra di Heusden-Zolder. Il Turkse FC, nel frattempo, risponde alle accuse. “Quelle foto vengono fatte ogni anno in segno di rispetto per tutti i martiri e i loro familiari”, ha detto a Het Laatste Nieuws Basir Hamarat. “E sarebbero state fatte anche se non ci fosse stato il conflitto tra Turchia e Siria”. Chissà se basterà per chiudere il caso…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy